domenica 9 marzo 2008

La guerra del petrolio

Prima del fatidico undici settembre, una società petrolifera doveva portare gas e petrolio dal Caspio, che ha gas e petrolio pari al 65% delle riserve mondiali, alla Cina orientale.
Se si guarda la cartina
asia
il trasporto dal Caspio alla Cina orientale con un gasdotto (percorso nero) è troppo costoso, è molto più conveniente portare il gas fino al mare (percorso blu) e poi traghettarlo in Cina.
In effetti sarebbe meno costoso far passare il gasdotto in Afghanistan (percorso rosso), ma quel territorio era controllato dai Talebani e quindi poco sicuro.
L'unico modo per far passare il gasdotto per la via più breve sarebbe stato far invadere l'Afghanistan!
fonte:rainews24

3 commenti:

  1. e con questo? dove vorresti arrivare?

    RispondiElimina
  2. Che viviamo in un mondo controllato dal potere economico?
    Una volta mi sono sentito dire:
    "tu vedi complotti dappertutto", forse aveva ragione, forse christian è un'agente segretissimo!

    RispondiElimina
  3. forse che ha architettato strade così fantasiose non aveva a disposizione una honda civic "stazione a vagone", che avrebbe ben potuto allegramente transitare incontrastata per la Cina.

    deh, questi statunitensi...privi del minimo indispensabile...

    RispondiElimina

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.