giovedì 15 maggio 2008

Guerra in Iran

È possibile che la guerra in Iran sia alle porte, ci sono segni molto plausibili che ciò possa avverarsi:

1-Philip Giraldi, ex funzionario della Cia, riferisce di una riunione del Consiglio della Sicurezza Nazionale che ha approvato i piani di attacco con missili Cruise contro una base Al Qods (la Guardia Rivoluzionaria Iraniana) ove verrebbero addestrati i militanti iracheni impegnati nella guerriglia contro le truppe d’occupazione.
2-Una seconda portaerei con cacciatorpediniere e navi d’appoggio ha raggiunto a fine aprile l’imponente schieramento aereo navale statunitense nel Golfo Persico.
3-Nonostante le smentite dei servizi segreti il Vice Presidente Cheney e il Segretario di Stato Rice hanno continuato a denunziare insieme ai governanti israeliani la potenziale minaccia nucleare di Tehran.
4-Sia Hillary Clinton che Barak Obama hanno già affermato che contro l’Iran “ogni opzione è valida”, per non parlare del repubblicano John McCain.
5- Una grande guerra mediorientale renderebbe certa la vittoria già a novembre, aiuterebbe gli Stati Uniti a superare la più grave crisi economica dopo quella degli anni trenta e realizzerebbe il dissennato disegno dei neocons per l’interruzione dei flussi energetici mediorientali verso Cina, India ed Europa.

Naturalmente la nostra stampa evita di scrivere queste cose, ci fanno guardare da un'altra parte senza disturbare il nostro microcosmo fatto di rom, veltrusconismo e caro benzina.

Fonte:fisicamente.net

Nessun commento:

Posta un commento

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.