domenica 27 luglio 2008

Iran: 355 esecuzioni su 5851 nel mondo

nessuno tocchi cainoVentinove persone, tutte condannate per omicidio, stupro e traffico di droga, sono state giustiziate per impiccagione questa mattina all'alba a Teheran.
L'Iran è il secondo paese al mondo per numero di esecuzioni capitali, la terrificante classifica lo vede secondo solo alla Cina:

anno 2007
Cina: almeno 5.000
Iran: almeno 355
Arabia Saudita: almeno 166
Pakistan: almeno 134
Stati Uniti: 42
Iraq: almeno 33
Vietnam: almeno 25
Afghanistan: 15
Yemen: almeno 15
Corea del Nord: almeno 13
Libia: almeno 9
Giappone: 9
Siria: almeno 7
Sudan: almeno 7
Bangladesh: 6
Somalia: almeno 5
Guinea Equatoriale: 3
Singapore: 2
Bielorussia: almeno 1
Botswana: almeno 1
Indonesia: almeno 1
Kuwait: almeno 1
Etiopia: 1
In grassetto, le democrazie liberali.

Le esecuzioni nel mondo sono in aumento. Nel 2007 ne sono state eseguite almeno 5.851, a fronte delle almeno 5.635 del 2006 e delle 5.494 del 2005. L’incremento significativo rispetto all’anno precedente è dovuto alla escalation di esecuzioni registrate in Iran dove sono aumentate di un terzo e in Arabia Saudita dove sono quadruplicate.
L’Asia si è confermata il continente dove si pratica la quasi totalità della pena di morte nel mondo.
Le Americhe sarebbero un continente praticamente libero dalla pena di morte, se non fosse per gli Stati Uniti, l’unico paese del continente che ha compiuto esecuzioni nel 2007: 42 le persone giustiziate (erano state 53 nel 2006 e 60 nel 2005).
Ricordiamo che Afghanistan (15) e Iraq (33) sono di fatto controllati dagli USA.

Nessun commento:

Posta un commento

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.