mercoledì 27 agosto 2008

Il "tubone" nella Georgia

L'oleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan è stato inaugurato il 13 luglio 2006. Il costo totale dell'opera è stato di 3.600 milioni di dollari americani così ripartiti:
* BP plc (Regno Unito): 30.1%
* State Oil Company of Azerbaijan (SOCAR) (Azerbaigian): 25.00%
* Chevron (USA): 8.90%
* Statoil (Norvegia): 8.71%
* Türkiye Petrolleri Anonim Ortaklığı (TPAO) (Turchia): 6.53%
* ENI/AGIP (Italia): 5.00%
* Total (Francia): 5.0%
* Itochu (Giappone): 3.4%
* Inpex (Giappone): 2.50%
* ConocoPhillips (USA): 2.50%
* Amerada Hess (USA) 2.36%
È in grado di trasportare un milione di barili di petrolio al giorno.
Il "tubone" ha una lunghezza complessiva di 1.776 km e si estende in Azerbaigian per 440 km, in Turchia per 1.076 km e nella Georgia per 260 km. [wikipedia]

btc
Probabilmente l'irritazione della Nato dopo le recenti dichiarazioni di Mosca non è da ricondurre solo a questo fattore ma i "tuboni" rendono gli animi sempre un po più "frizzanti".

3 commenti:

  1. 200.000 barili/giorno?
    utilizzando il link che hai dato e facendo qualche rapido calcolo si ottengono quasi 1.800.000 barili/ giorno. Dovremmo essere la decima nazione al mondo per consumo dell'oro nero. Non ne sono certo ma 200.000 barili/g dovremmo riuscire a consumarli noi qui in Sardegna.
    Poveri georgiani la maledizione che hanno non poteva essere delle peggiori....

    RispondiElimina
  2. Il dato è sbagliato, forse sono 4 milioni di barili al giorno ma devo controllare meglio. Una cantonata al giorno può bastare :)

    RispondiElimina
  3. Concordo, dovrebbero essere 1 milione 800 mila.
    Grazie per la segnalazione.

    RispondiElimina

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.