giovedì 25 settembre 2008

Il Papa: parità tra scuola cattolica e statale

benny"Proprio nel contesto del rinnovamento a cui si vorrebbe tendere da parte di chi ha a cuore il bene dei giovani e del Paese - ha detto il Papa - occorre favorire quella effettiva uguaglianza tra scuole statali e scuole paritarie, che consenta ai genitori opportuna libertà di scelta circa la scuola da frequentare"
Traduzione: vogliamo i finanziamenti pubblici per far andare i bambini delle famiglie meno abbienti alle nostre scuole private. Non lo facciamo per arricchirci, è per il pe ... per il bene dei fanciulli.

4 commenti:

  1. Come riesce a tornare al medioevo queso papa non lo fa nessuno. Qui sembriamo ai tempi di Costantino e del concilio di Micene quando le gerarchie ecclesiastico/Cristiane cominciavano ad avere pari poteri di quelle politiche. Anche là per decisioni prettamente politiche ed economiche, non certo legate a desideri del popolo.

    RispondiElimina
  2. Le donazioni con l'8x1000 stanno iniziando a calare, da qualche parte dovranno pur trovarli i soldi per i voli di Benny.

    RispondiElimina
  3. Mi scuso per Micene, refuso dovuto aala mia passione per i cavalieri di Lady Isabel.

    RispondiElimina
  4. La ringrazio per Blog intiresny

    RispondiElimina

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.