lunedì 20 ottobre 2008

Fotovoltaico ibrido metallo-plastica

Il basso rendimento,~10%, dei moduli fotovoltaici attualmente in commercio è dovuto principalmente al limitato numero di lunghezze d’onda che possono sfruttare.
Grazie a una nuovo materiale composto da una plastica elettricamente conduttiva con un metallo contenente molibdeno e titanio, i chimici della Ohio State University hanno raggiunto l'obbiettivo di far assorbire ad un elemento tutte le lunghezze d’onda e generare elettroni più facili da catturare.[le scienze]

Nessun commento:

Posta un commento

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.