martedì 13 gennaio 2009

Il pensiero di Travaglio sulla questione palestinese

Aggiornamento in fondo al post

Girava la voce che Marco Travaglio avesse espresso il suo pensiero sulla questione palestinese alquanto discordante con quanto riportato su questo blog. Cercando su Google siamo riusciti a trovarne la fonte nel meetup dei grilli aquilani:

ciro - Postato il 8-gen-2009 19.09 - Link a questa risposta
Contenuto rimosso su richiesta della redazione di Chiarelettere
Motivazione: La pubblicazione del suddetto testo non è stata preceduta dalla richiesta di autorizzazione che è normalmente di prassi in queste circostanze. Ritenendolo un gesto scorretto - al di là dei contenuti - abbiamo chiesto ai responsabili di rimuovere il testo dai loro blog-siti.


Aggiornamento 13 gennaio
Chiarelettere pretende che sparisca dal sito di Paolo Barnard “ogni riferimento alle parole di Travaglio su Gaza” (e da ogni altro sito!), perché contenute in una mail "privata"
Continua in: UN DETTAGLIO NON DA POCO


II Aggiornamento 13 gennaio
Il signor Ciro ha tolto la parte contenente la mail di Travaglio dopo le intimazioni di Chiarelettere, perciò il link sopra non porta più alla fonte.


Aggiornamento 16 gennaio
La redazione di Chiarelettere mi ha risposto ad una mail dove chiedevo chiarimenti sulla corrispondenza "incriminata" tra loro e il sign. Ciro. Mi ha spiegato la situazione e ho deciso di toglierla da questo post. La questione è chiusa.
Per i curiosi: sappiate che la mail era autentica, per i nuovi arrivati: potete leggerla dal sito linkato sopra.

Aggiornamento 6 maggio
Il pensiero di Travaglio sulla questione palestinese (parte 2)

24 commenti:

  1. ...temo abbia ragione Paolo Barnard...

    RispondiElimina
  2. Finché Travaglio non conferma o non smentisce, l'e-mail a Ciro potrebbe averla scritta CHIUNQUE, perfino Ciro stesso, registrandosi presso gmail come "chiarelettere".

    RispondiElimina
  3. Certo, bisogna attendere conferme.

    Ma da una posizione del genere rimarrei molto deluso.

    Wil

    RispondiElimina
  4. Sono d'accordo, ma se non smentisce o non conferma?

    RispondiElimina
  5. Caro Dangp, ho letto i commenti su voglioscendere, tra cui i tuoi.

    La questione è seria. Travaglio risponde difficilmente alle mail, se non mai ... non vorrei fosse una provocazione (sarebbe molto astuta...tutti ne parleranno).

    D'altro canto Trav. potrebbe anche essere di quell'opinione ...

    Che ne pensi?

    RispondiElimina
  6. È probabile che sia di quell'opinione, però non ha pubblicato direttamente il suo pensiero, l'ho sempre letto da mail pubblicate da altri.
    Il dubbio rimane, basterebbe una smentita ... ma non arriva.

    RispondiElimina
  7. me lo chiedo pure io, perché le fonti di queste email non risalgono mai direttamente a travaglio....

    RispondiElimina
  8. Per quanto queste mail non siano riportate direttamente dall'interessato, c'è da dire che non stridono affatto con le dichiarazioni di Travaglio fatte qua (al minuto 16:18):
    http://www.youtube.com/watch?v=dmx6v2282sk
    o quando dice di essere di destra e che i suoi "modelli" sono due tipetti poco raccomandabili come la Thatcher e Reagan.

    RispondiElimina
  9. Piú che soffermarsi sulle singole dichiarazioni di Travaglio io preferisco giudicare la persona rispetto a ció che sta facendo per informare gli italiani sugli scandali della nostra becera politica.
    Se molti giornalisti fossero liberi come lui l'Italia sarebbe una vera democrazia e non un regime mediatico.
    Tra l'altro credo sia una persona abbastanza occupata e difficilmente avrá il tempo materiale per smentire o confermare tutte le voci che vengono sparse in giro sul suo conto.
    un saluto a tutti, Jonathan

    RispondiElimina
  10. Vorrei anche aggiungere che chiarelettere ha un proprio dominio, dubito quindi che utilizzi google mail per inviare qualcosa, se poi andate a verificare su www.chiarelettere.it vedrete che l'unico indirizzo di posta presente é info@chiarelettere.it

    RispondiElimina
  11. Benvenuto Jonathan, qui nessuno vuole screditare la professionalità e l'impegno di Travaglio, però ci interessa sapere se le parole scritte nell'e-mail sono sue.

    RispondiElimina
  12. Grazie per l'indirizzo mail di Chiare lettere, vediamo se rispondono.

    RispondiElimina
  13. Jonatan ed amici del blog.

    Ieri ho fatto lo stesso tipo di ragionamento, ma in realtà chiarelettere dovrebbe essere titolare anche di quell'indirizzo mail (gmail).

    Ecco cosa ho trovato:

    http://chiarelettere.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=1515811

    Questo non significa nulla ovviamente ...

    Wil

    RispondiElimina
  14. Grazie Wil, ho mandato una mail ha tutti e due gli indirizzi chiedendo chiarimenti, ma dubito che mi rispondano.

    RispondiElimina
  15. Dangp, ed io che ero venuto a ragguagliarti sullo scritto di Barnard!

    Insomma, sembra proprio sia vero. Giusto?

    RispondiElimina
  16. Sembra di si, non penso che Barnard sia un bugiardo e poi, come ho già scritto, le parole riportate nella mail sono coerenti con altre cose dette da Travaglio.

    RispondiElimina
  17. Si, anche tra i miei commenti hanno riportato tutti i link alle dichiarazioni di Marco proisraele.

    Chiarelettere si è già mobilitata per far togliere dalla rete il contenuto ... infatti è già sparito il primissimo, quello del meetup.

    Tocca salvarne una copia ...

    RispondiElimina
  18. A quanto pare il signor Ciro non vuole problemi, non penso che Barnard farà la stessa cosa. Grazie per la segnalazione.

    RispondiElimina
  19. Salve,
    vorrei proporvi una lettura “particolare” in questi giorni scossi dai tragici eventi di gaza: una poesia omaggio per tutti i bambini che vivono sulla loro pelle l’“orrore” della guerra, con l’auspicio che il linguaggio delle parole si faccia -almeno una volta- più forte di quello delle armi...
    ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

    GLI ANGELI DI GAZA:

    Piccole stelle
    esplodono con un sorriso in viso
    negli occhi pien di vita dei bambini
    di una piccola stretta terra,
    imbrattando le strade della loro ingenuità,
    attingendo dalla tavolozza colorata dei loro pensieri
    un arcobaleno di sogni.


    (PROSEGUE SU...: http://spaziolibero.blogattivo.com)

    RispondiElimina
  20. Io sono, se così si può definire, un "sostenitore" di Travaglio nel senso che mi piace il suo modo di fare giornalismo votato a fare un servizio per il lettore e non per il politicante più in voga di turno. Detto ciò, quello che travaglio sostiene sul conflitto israelo-palestinese non mi stupisce in quanto si è sempre dichiarato un liberale e, se messo davanti alla scelta tra un modello di stampo islamico e un modello democratico come quello d'israele, sceglierà sicuramente il secondo. L'unica perplessità sulle sue tesi è che trascuri il fatto che, per sgominare un movimento terroristico come hamas, o al qaeda, non serva necessariamente schierare un intero esercito come sta facendo israele o come hanno fatto gli USA in afghanistan o Iraq. Basterebbe sfruttare adeguatamente i propri servizi di intelligence(per i quali si spendono milioni di euro), individuare obiettivi e decapitare l'organizzazione.

    RispondiElimina
  21. Ciao Fabrizio, il tuo discorso sarebbe condivisibile se Israele e gli Usa volessero solo annientare il terrorismo, ma penso che la questione sia più complessa.
    Per quanto riguarda Travaglio, questo post non voleva essere un atto d'accusa, serve solo a capire come la pensa una persona che scrive in un blog che leggiamo spesso.

    RispondiElimina
  22. Aggiornamento 16 gennaio
    La redazione di Chiarelettere mi ha risposto ad una mail dove chiedevo chiarimenti sulla corrispondenza "incriminata" tra loro e il sign. Ciro. Mi ha spiegato la situazione e ho deciso di toglierla da questo post. La questione è chiusa.
    Per i curiosi: sappiate che la mail era autentica, per i nuovi arrivati: potete leggerla dal sito linkato sopra.

    RispondiElimina

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.