sabato 21 marzo 2009

Crocifisso con profilattico

CrocifissoDopo la rana crocifissa è arrivata la censura per il crocifisso con profilattico. In questo paese non si può fare niente, il bello è che ci lamentiamo dei musulmani.
Siamo il paese del catto-comunista o del clerico-fascista, comunque sia la Chiesa c'è sempre.
Visto che l'opera dell'artista Sebastiano Deva, esposta alla mostra al Pan di Napoli, è stata celata al pubblico, la esponiamo noi nella barra laterale. Tieh!

27 commenti:

  1. Artista quel tipo là, che compra un crocifisso e un condom, infila il primo nel secondo e - abracadabra! - è creata l'opera d'arte? Tu non sei mai entrato in un museo d'arte vera, vero? Leggi di seguito, ti regalo le ispirazioni per tre splendide opere d'arte. Potrai esporre anche tu al PAN.
    1)Un pastore rappresentante re David (si può ordinare a San Gregorio Armeno) con un missile tra le mani in luogo della fionda
    2) Un san Pietro (idem come sopra per la fabbricazione) che estrae da un pesce una dichiarazione con l'otto per mille alla Chiesa Cattolica
    3)Una maglietta con un disegno di Maometto col burqa.
    Ma via! Con il vostro anticlericalismo cieco e becero mi farete sopportare Berlusca e Fini per i prossimi venti anni! Anima di Luigi Berlinguer, vieni in soccorso!

    RispondiElimina
  2. erripotter e il trapano di azcaban21 marzo 2009 21:32

    in genere in queste cose qui, vale per "arte" (anche) quell'"opera" che produce un inaspettato contrasto tramite l'unione dei significati di ogni mezzo espressivo, così suscitando disorientamento e -why not, direbbe il buon Masty- sdegno.
    Altrettanto in genere, va a finire che solo il tempo e i mercanti d'arte determinano chi e cosa sarà arte.
    Questo crocifisso condomizzato mi pare possa rientrare nella casistica...
    a me personalmente non piace tanto nè dice molto, comunque...il tempo decreterà, come per Van Gogh (che è stupendo!).
    Cosa è arte, caro anonimo, e chi può fare arte?

    RispondiElimina
  3. Ciao Erri, splendida risposta.

    RispondiElimina
  4. fa cagare.
    Ciao Erri..

    RispondiElimina
  5. Hai ragione, forse usato sarebbe stato meglio.

    RispondiElimina
  6. @erripotter
    L'arte è trasformazione poetica della materia e delle forme, gentile erripotter, ed è specchio. E' mutazione della sostanza delle cose (come avviene per i colori in Van Gogh), non è una banale sovrapposizione di oggetti seguita dalla loro proiezione su un muro (è questa la tecnica dell'assemblatore del PAN, già censurato al "Vede retro" di Milano per una sbaciucchiata di tre ore tra due omosessuali, sovrapposta mediante una proiezione su una bandiera italiana). L'arte non è proiezione delle opinioni politiche dell'autore bensì specchio delle innumerevoli, possibili emozioni dei più svariati fruitori. E, a decidere cos'è l'arte, in una democrazia in grado d'intervenire anche in questo ambito, dovrebbe essere il numero di persone che transitano davanti a un'opera e ne godono la bellezza. Proviamo a esporre il condom di Dove in una piazza, in una via, in una università, in una fabbrica, in un supermercato (non in un museo che vive di finanziamenti pubblici ed è frequentato da una elite ultraminoritaria di fricchettoni, qual è il PAN di Napoli) e vediamo quali sono i giudizi. Ciao. Linux.

    RispondiElimina
  7. erripotter e le signorine d'orleans22 marzo 2009 20:21

    @anonimo-Linux
    Leggo ora il thread. Non credo che sia il caso di discutere di queste cose qui, ma "L'arte è trasformazione poetica della materia e delle forme." cosa vuol dire? Cosa vuol dire trasformare *poeticamente* la materia e le forme? Forse "poeticamente" sta per trasognato, pensante, genio-furiosesco, alla-giovanni-allevi-che-rifaccio-la-musica-classica-contemporanea, etc etc? Oppure "poeticamente" sta nel suo significato etimologico: "del fare", cioè, Linux, graziealcazzo, non hai dato risposta perspicua, ma generica....
    Poi: "L'arte non è proiezione delle opinioni politiche dell'autore"...wow!!! che ne so...vallo a dire alle commedie di Aristofane o alle Polacche di Chopin o all'Eroica di Beethoven o alla Commedia di Dante o a checavolotivieneinmente...
    Poi: "E, a decidere cos'è l'arte, in una democrazia in grado d'intervenire anche in questo ambito, dovrebbe essere il numero di persone che transitano davanti a un'opera e ne godono la bellezza". Vediamo: se mi dici così, mi cadi proprio giù: ma non crederai mica che "arte" debba essere un fenomeno funzionale al fenomeno (inensistente quasi) di democrazia? L'arte (leggiti un po' di Argan al proposito) è fatta dalla storia -e dai mercanti- e non da quanti, democraticamente, esprimono il loro consenso. Altrimenti tu oggi ti permetteresti di dire che la musica di Bach non è arte solo per il fatto che in vita e per un po' post mortem non lo cagava nessuno come compositore e ci è voluto Mendelsson a risvegliare il "senso democratico" degli addormentati un secoletto dopo circa?
    Poi: "Proviamo a esporre il condom di Dove in una piazza, in una via, in una università, in una fabbrica, in un supermercato"; certo, si potrebbe provare e di certo sarebbe probabilmente fischiato, come fu anche fischiato il Bolero di Ravel alla sua prima esecuzione...
    che dire...l'unica cosa è dare tempo al tempo e non censurare *mai* -o quasi mai-, almeno perchè più censuriamo più siamo sicuri che quel che noi riteniamo una cagata salirà prima o poi agli onori degli altari artistici :)

    RispondiElimina
  8. @erripotter e le signorine d'orleans

    Ecco qui un altro bamboccione che, essendo probabilmente incapace di produrre perfino una cacca in un barattolo, per il solo fatto di posserere un blog, crede di essere uno scienziato tuttologo e risponde a un commento educato come il mio con un tono da cafone. Considerato il tuo "graziealcazzo", è evidente che l'unica arte della quale puoi discutere tu è quella del preservativo.
    Ecco perché si fa bene, nei blog, a inviare post in forma anonima. Stammi bene, erripotter: in un'altra vita, ammesso che ci sia e che potremo incontarci, ti mostrerò quello che ho prodotto io in arte, una produzione un po' più apprezzata e molto più diffusa di questa del preservativo. Conto che anche tu possa mostrarmi qualcosa creato da te.

    RispondiElimina
  9. erripotter e la cacca nel barattolo23 marzo 2009 07:39

    @anonimo
    mi spiace che ti sia offeso: di certo non era nelle mie intenzioni...
    1) non ho un blog nè ne ho intenzione
    2) non hai replicato neppure per una riga a quello chò che ho detto io, credo, replicando a quello che mi avevi detto tu nella tua precedente replica....
    3) scrivo in "falso anonimo" perchè tutti i soliti frequentatori di questo blog mi conoscono mooolto bene per persona, e il nome erripotter è solo per ridere; certo tu non lo sai ...ma che dire non si può avere tutto!
    4) il tono della tua risposta, che capisco perchè reattivo al mio tono -che, ripeto, è quello solito per quelli che mi conoscono-, è -non so se ti sei reso conto- molto più offensivo del mio nei tuoi confronti...

    comunque, ok, chiusa discussione.
    ciao
    ciao

    RispondiElimina
  10. @Anonimo II
    Almeno cerca di fare qualche critica decente. Ti permettiamo di postare in anonimato solo se rendi la discussione interessante.

    RispondiElimina
  11. @Erri
    È solo un anonimo, non c'è bisogno di dare spiegazioni.

    RispondiElimina
  12. anch'io anonimo embè?23 marzo 2009 13:05

    il crocifisso vero fa comunque molto più schifo di quest'opera e non si capisce perché quest'ultima la tolgano, e quello vero invece lo espongano praticamente ovunque (io l'ho sempre trovato volgare e di cattivo gusto nonché bruttissimo a vedersi)

    forse - a nessuno viene in mente? - l'intenzione di deva era proprio quella di mettere l'accento sul fatto che una cosa così brutta sia appesa ovunque nel nostro belpaese

    RispondiElimina
  13. Se continui a firmarti "anch'io anonimo embè?" non sarai più anonimo ;)

    RispondiElimina
  14. Chi confonde queste "Schifezze" con l'arte significa che non sa distinguere la differenza che passa tra oscenità e poesia.
    Molto più probabilmente, tali obbrobri, derivano da una patologia evidente o nascono solo per offendere.
    Eldo

    RispondiElimina
  15. "derivano da una patologia evidente" te la potevi risparmiare, la prossima volta non passa.

    RispondiElimina
  16. @anch'io anonimo embè? ha detto...

    Ti fa schifo il crocifisso in arte? Hai provato a inviare una lettera di protesta al sindaco di Firenze? Sai, per non offendere il tuo gusto, il sindaco potrebbe costringere il direttore della Galleria degli Uffizi a far rimuovere dalle pareti Cimabue, Giotto, Signorelli, Botticelli...

    RispondiElimina
  17. anch'io anonimo embè?23 marzo 2009 17:08

    ehi parlo del crocifisso come oggetto dozzinale rappresentante uno attaccato a una croce agonizzante, quello che portano al collo le persone

    quello oggetto della parodia non indimenticabile ma certo non da censurare di deva

    RispondiElimina
  18. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  19. Commento sopra eliminato perché l'autore ha mostrato tutta la sua volgare ignoranza in anonimato.

    RispondiElimina
  20. E' una merda senza precedenti, cmq fate schifo più voi che pubblicate questa oscenità, ringraziate che viviamo in un paese come l'Italia altrimenti una bella denuncia alla polizia postale ci stava tutta, e comunque non e detto che non la faccia, occhio a quello che scrivete su questa merda di blog perchè come mi date l'occasione vi segnalo.

    RispondiElimina
  21. intanto vedi di migliorare in grammatica, poi chiama la polizia postale.

    RispondiElimina
  22. Utilizzo un linguaggio consono al sempre caro Erri nel definire lesiva della sensibilità di 2 miliardi di cristiani l'icona di cui all'oggetto.
    Personalmente la trovo di estremamente dubbio valore estetico e avrei preferito relegarla all'oblio che merita, senza darle nemmeno il momentaneo risalto conseguente alla censura.

    Mi adeguo poi al caro Marco: UH UH UH! BANANA BANANA!

    Antoneddu

    RispondiElimina
  23. Secondo me è brutto perchè è messo male. Il serbatoio, è evidente, va messo dalla parte della testa. Quella sarebbe arte, questa è volgarità.

    RispondiElimina
  24. Bella Marco denuncia tutti. Immaginate la polizia quando verbalizza la denuncia. ah ah ah ah ah ah. POVERO RAGAZZO

    RispondiElimina
  25. @dangp
    Dai, dangp, perchè l'hai censurato? Se è quel tal anonimo dell'abracadabra che ha affollato di botte e risposte questo tuo post, mi sa che ti ha giocato ai dadi. Ragiona ragiona, provoca, provoca, ti ha reso peggio dell'Inquisizione e della Iervolino. Mica puoi pensare che chi non ha potuto leggerlo possa credere alla tua accusa di volgarità, dopo la tua oscena censura? E poi: perché sostieni che ha scritto in anonimato? Mica dangp e erripotter stanno sull'elenco telefonico! :-)
    Ciao, censore! Devi sapere che, grazie anche ai casini fatti in rete, sono saltati i vertici del museo PAN a Napoli, a partire da Julia Draganovic. Non censurare anche questa volgarissima notizia, dangp. Tanto domani la daranno i media nazionali. E gioisci: un giorno potrai raccontare ai nipotini: c'ero anch'io a ragionare di arte! Purtroppo la mia creatività fu impedita da un condom.

    RispondiElimina
  26. Il post è stato eliminato perché offendeva il resto dei commentatori.
    Se non ci credi mandami una mail e te lo spedisco.

    RispondiElimina
  27. @ dangp 25 marzo 2009 1,00
    "dangp ha detto...
    Il post è stato eliminato perché offendeva il resto dei commentatori.
    Se non ci credi mandami una mail e te lo spedisco".

    E no, amico mio! La logica non funziona così, unidirezionalmente. Quel crocefisso col preservativo ha offeso milioni di cattolici e tu hai pubblicato un post per criticarne la rimozione. Ora, perché un commento al massimo può aver offeso qui quattro o cinque commentatori, ti ritieni autorizzato a censurarlo?
    Va bene così. Sei a casa tua. Ma, finché questo Paese sarà casa di milioni di cristiani, non ti lamentare più delle censure di emerite schifezze come quelle esposte al PAN di Napoli. E' un problema d logica, di null'altro.

    F.to: anonimo 25 marzo 2009 0.45

    RispondiElimina

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.