mercoledì 29 luglio 2009

Un Governo di bestie

Si dichiarano cattolici e predicano la sacralità della famiglia, poi divorziano e fanno le orge con le puttane. Si dichiarano cattolici e predicano la solidarietà cristiana, poi respingono i clandestini mandandoli a morire nelle carceri libiche e tolgono i figli alle loro donne.
Grazie al decreto sicurezza, la madre clandestina che partorisce in ospedale rischierà di vedersi sottrarre alla nascita il figlio. Così le migranti non andranno più in ospedale, partoriranno in casa rischiando la loro vita e quella dei loro bambini.
Che bestie.

8 commenti:

  1. e i custodi del cattolicesimo che fanno?
    sparano un paio di benedizioni alla città e a agli orbi ed è fatta!

    RispondiElimina
  2. In verità, come diceva lui, i loro portavoce hanno parlato. Ma tra il dire e il fare...

    RispondiElimina
  3. Le bestie sono più "umane".

    RispondiElimina
  4. Solitamente quelli li chiamo animali e li ritengo migliori degli umani.
    Comunque sia sono d'accordo con te.

    RispondiElimina
  5. Perchè bestie?
    Gli animali sono molto dolci.

    RispondiElimina
  6. bè|stia: s.f. 3a CO fig., persona brutale, violenta; diventare una b., arrabbiarsi, andare su tutte le furie

    RispondiElimina
  7. ho segnalato il link di Repubblica, non li pubblicizzano mai abbastanza. Grazie.

    RispondiElimina
  8. le autorità ecclesiastiche? un luuuungo silenzio prima, una pacata presa di posizione senza fare né nomi né cognomi, rimanendo sulle generali, un altro luuuungo silenzio quando i fondi alle scuole private cattoliche vengono confermati così come la truffa dei resti dell'8x1000.
    Coerenza e santità.

    RispondiElimina

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.