mercoledì 21 ottobre 2009

Mica sono romeni

Ragazzina di quindici anni violentata dai «bravi ragazzi» del paese, risultato: il paese li difende.
"No davvero, avranno pure sbagliato ma mica si possono rovinare la vita", oppure "Ma questi ragazzi mica sono romeni, che picchiano e uccidono", ancora "Lei s’è inventata tutto" e per finire "Non tutti i mali vengono per nuocere, adesso quella fija troverà un lavoro...".
La cultura della "ragazza dev'essere perbene" permea ancora un'Italia che tarda a maturare una coscienza civile. Siamo ancora ai tempi di Don Camillo e Peppone? No, secondo me siamo messi peggio. In quei film c'era ancora un minimo di scissione fra "bene e male", oggi "il male" è solo colui che ha la pelle diversa dalla nostra. Tutto questo è stato accentuato dalle campagne elettorali basate sulla sicurezza fittizia e dai proclami razzisti della Lega. Anche qui il colpevole si sa chi è: l'elettore che si è fatto abbindolare dal Cavaliere.

4 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. i commenti della gente del posto sn assurdi.
    bisognerebbe dividere l'italia in 2 altro che federalismo..e tutti i napuli che stanno al nord mandarli via tanto le fabbriche stan chiudendo.
    da me che abito al nord era ed è pieno in ogni classe di meridionale, almeno il 90 per cento..senza di loro si starebbe da dio!

    RispondiElimina
  4. Danx, che senso ha il tuo commento? Credi che se fosse successo nel Bresciano la gente avrebbe avuto un comportamento diverso?

    RispondiElimina

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.