lunedì 27 settembre 2010

Lo statista


La figlia dello statista è stata duramente contestata all'inaugurazione della piazza. C'è qualcuno che ancora s'indigna, menomale.

17 commenti:

  1. Io sono uno di quelli che si INDIGNA per queste cose, che cioè si arrivi a dedicare una piazza a un PREGIUDICATO e che venga presentato come esilio la sua LATITANZA! Ma, diciamolo per tutti quelli che lo leggeranno e lo vorranno capire,la classe politica attuale ha bisogno di auto-legittimarsi essendo della stessa pasta: disonesta,ladra approfittatrice e soprattutto corrotta!

    RispondiElimina
  2. Hai fatto bene a ricordare la LATITANZA del PREGIUDICATO Craxi.

    Ma questo e' il segno dei tempi e purtroppo una nuova "fuga ad Hammamet" del suo delfino/padrino non sara' possibile.

    RispondiElimina
  3. Non c' è limite alla spudoratezza, in un paese come il nostro!
    Paese che non è un paese, ma un supermercato delle idiozie, dove ricevono credito solo i disonesti.

    RispondiElimina
  4. basta rendersi conto che delinquenti come mora e corona con la sua degna compagna sono milionari e vengono continuamente richiesti per la loro presenza per indignarsi e per cui abbiamo i politici che abbiamo.

    RispondiElimina
  5. I figli di Bettino Craxi? Spudorati come il loro genitore. Chi ha intestato la piazza a quel pregiudicato latitante é altrettanto disonesto. Non credo ci siano dubbi!

    RispondiElimina
  6. quando leggerò,,piazza del nano, sarò disgustato ma sollevato, finalmente non c'è più.

    RispondiElimina
  7. Mi domando: ma dopo la morte di Silvio Berlusconi (naturalmente lunga vita all'interessato, molto meglio se non da premier), qualcuno proporrà di intitolargli una via o una piazza? O tempora, o mores!

    RispondiElimina
  8. CARI ITALIANI! PRENDIAMOCELA CON NOI STESSI CHE DA SECOLI SOPPORTIAMO OGMI INIQUITA'.
    AIU! SERVA ITALIA, DI DOLORE OSTELLO.....
    NON DONNA DI PROVINCIA, MA BORDELLO.
    LEGGASI LA STORIA, P. ES DALLA BANCA ROMANA AL BANCO AMBROSIANO
    IN TOSCANA SI DICE: COSE DA FAR VENIRE IL VOMITO AI VERMI DELLA MOSCA CARNARIA! I POCHI CHE SI RIBELLANO FINISCONO MALE. IL RESTO E' MUGUGNO

    RispondiElimina
  9. per colpa di bettino mi sono vergognato di essere stato socialista.

    RispondiElimina
  10. Ad un condannato con sentenza definitiva si intitola una piazza.
    POVERA ITALIA dove sei ..finita !!!
    Ciò è potuto accadere grazie alla
    pseudo CLASSE POLITICA che governa.

    RispondiElimina
  11. Scrivo dalla Sardegna...per secoli e secoli bistrattata e quando Renato Soru sembrava che la stesse riportando ad un livello decente ecco che ritorna la "Cricca" .La Maddalena e lo scippo del G8,la chimica,blocco dei fondi FAS,manipolazione dei PPR sulla legge salvacoste,MUTISMO assoluto sull'Uranio impoverito che utilizzano i soldati dell'Onu in quasi tutta l'Isola..l'Eolico ,la SARAS dei Moratti ecc ecc.Insomma stanno cercando di ridurci in schiavitù !Stanno provocando la pazienza,non vogliamo essere conosciuti per avere, purtroppo P.Cervo,ma per i valori che contradistinguono IL POPOLO SARDO.Chiudo dicendo che non ci indigniamo più per niente..ah dimenticavo meno male che SILVIO C'E'..e il vaticano...

    RispondiElimina
  12. non mi dispiace venga ricordato intitolando a lui una via o una piazza, mi dispiace che nella targa ci sia scritto statista: meglio sarebbe stato ricordandogli lo status tipo:
    LATITANTE,INGORDO, MALFATTORE ...

    RispondiElimina
  13. Il rancore e l'invidia reggono ancora verso un uomo che nel suo ultimo discorso alla Camera disse semplicemente verità scottanti.
    Un uomo persequitato da quella magistratura che non voleva perdere i suoi troppi poteri.
    Da quella magistratura che è riuscita perfino a premiare gli aguzzini di Enzo Tortora.
    Vergonoso poi è colui che commenta che :menomale che la gente s'indegna.
    Costui è mai riuscito a leggere imparzialmente la vita politica di Bettino Craxi?

    RispondiElimina
  14. Che schifo!!!
    Quando ci toccherà vedere una via o una piazza intitolata al mafioso Mangano, allo stalliere senza cavalli che Berlusconi e Dell'Utri considerano un eroe.
    Una volta gli eroi erano quelli che morivano per la patria o che sacrificavano la loro vita per salvarne altre, oggi gli eroi sono i ladri e i mafiosi.
    Viva l'Italia!!!

    RispondiElimina
  15. Viva l'Italia,sempre e nonostante
    queste disgrazie da lei subite
    per nostra colpa !

    RispondiElimina
  16. Tutte queste dabbenaggini dimostrano quanto poco serio è il nostro carattere d' italiani e come tale ci considerano all'estero.
    Spero che un domani (molto lontano dall'oggi) questo paese possa acquistare finalmente una dignità e una rispettabilità nel mondo.
    Penso a epoche in cui l'Italia era un FARO per tutti i paesi, ora siamo diventati una barzelletta.

    RispondiElimina
  17. @anonimo 28/9 ore 10,55.
    E' vero che alla Camera ha detto la verita' dei fatti, cio' non toglie che fosse una verita' criminale. Cosa c'entra Tortora cn Craxi? E' vergognoso indignarsi per un personaggio che ha contibuito in maniera determinate allo sperpero di soldi pubblici ( miei e Suoi, tra gli altri)? Certo ha fatto anche cose buone e utili: sono queste un viatico per le ruberie di cui si e' macchiato?

    @ Poldo, 29/9 ore 6,39
    Per cortesia, quali sono le dabbenaggini a cui si riferisce? Forse ricordare che Craxi e' stato pregiudicato e latitante? Forse pensa anche Lei che qualcuno sia piu' uguale degli altri di fronte alla legge, oggi come ieri?

    E perche' non sperare che questo domani migliore sia presto e non tanto lontano? La dignita' e la rispettabilita' ce la diamo se abbiamo il coraggio, il pudore, la coscienza personale ancor prima che civile di affrontare il marcio e di porvi rimedio.

    E' comodo rimandare il tutto a un domani lontano, mentre intanto continuiamo a fare i "nostri" porci comodi. Il momento e' adesso, e si comincia riconoscendolo dentro di noi stessi. Tutto il resto verra' di conseguenza.

    RispondiElimina

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.