martedì 13 maggio 2008

Il plutonio di Prodi

torri di refrigerazioneCon un Dpcm entrato in vigore il 1º maggio (Gazzetta Ufficiale 16 aprile 2008, n.90) il segreto di Stato potrà essere applicato, in nome della tutela della sicurezza nazionale, ad una lunga serie di infrastrutture critiche: non solo gli armamenti o le installazioni militari ma anche, ad esempio, agli “impianti civili per produzione di energia”.
Grazie all'ennesimo colpo di coda del governo Prodi, non si saprà neppure dove verranno stoccate le scorie nucleari perché il segreto di stato coprirà tutto in nome della sicurezza nazionale.
Saremo una nazione sicura, contenti?
Non vedremo più quei noiosi ecoterroristi “no a tutto” che impediscono il progresso del nostro pese, che bloccano le ferrovie e le autostrade, saremo liberi di progredire.
Ora Silvio e i suoi lacchè non avranno più problemi nel sotterrare i nostri veleni, poco male se qualcuno soccomberà per dispersioni di plutonio, l'importante è la sicurezza nazionale.
Ma la sicurezza di una nazione è proporzionale al numero di morti o all'incremento del pil?
Fonte: Il Sole 24 Ore

1 commento:

  1. Ciao, ora la bolletta c'è : Il Riformista, dopo svariati dinieghi dell'interessato, si è procurato la bolletta elettrica di Beppe Grillo.Sua bolletta di gennaio: 3.301 kWh per 851,33 euro da pagare. In un anno ha consumato 37520 Kwh. In un giorno consuma come l’intera redazione del Riformista. Ora aggiorno il post. ;)

    RispondiElimina

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.