sabato 16 maggio 2009

Le dieci domande che farei a Silvio

Onestamente non avevo letto le dieci domande che Repubblica aveva fatto a Silvio prima d'oggi. Dopo averle lette mi son reso conto della loro banalità, per dirla tutta se ne possono salvare un paio.
Con molta modestia, queste sono le dieci domande che farei io a Silvio:
  • 1 - Chi sono i senatori a cui ha promesso l'appoggio alle attricette in cambio di voti al Senato?

  • 2 - Siamo andati in Iraq per il petrolio o è un caso che l'Eni è in pole position per aggiudicarsi il contratto relativo allo sfruttamento del giacimento petrolifero di Nassiriya?

  • 3 - È vero che nel dicembre del 2001 funzionari americani del Dipartimento della Difesa vennero in Italia per organizzare, insieme al suo governo, vari interventi per attuare un golpe in Iran?

  • 4 - Quando il governo Prodi impose il segreto di Stato per gli “impianti civili per produzione di energia”, era d'accordo con lei?

  • 5 - Perché continua ad asserire che il rinvio dei processi contro le quattro più alte cariche dello stato è comune ad altri Paesi europei, quando si sa benissimo che non è vero?

  • 6 - Perché continuiamo a regalare circa 4,4 miliardi di euro alle società che producono le fonti "assimilate" alle rinnovabili?

  • 7 - Chi ha conosciuto all'interno della P2?

  • 8 - Perché la Sinistra non ha fatto la legge sul conflitto d'interessi? Era uno scambio di favori?

  • 9 -

  • 10 -

Ne ho lasciate due in bianco, se qualcuno vuole integrare...

PS: Se avete qualche curiosità sulle domande potete consultare i "post importanti" in basso a destra.

4 commenti:

  1. Effettivamente le domande di Repubblica sono alquanto banali e inutili. Queste sono molto più interessanti, ma il Nostro Amato Premier non risponde alle prime, figuriamoci alle seconde...

    RispondiElimina
  2. Si, ma è meglio fargliele. La memoria degli italiani è sempre stata corta.

    RispondiElimina
  3. Occorre tenere duro e non mollare.
    Tutti.
    Lui non risponderà ma qualcuno capirà.
    Graziano
    www.overquaranta.it

    RispondiElimina
  4. Ecco finalmente il video della bella Loglady Loon,
    la velina ventiseienne che chiama Berlusconi «papi».

    «Per me Silvio è un secondo papà: mi telefona e lo raggiungo. Poi insieme cantiamo e balliamo le canzoni di Jannacci, soprattutto "Vengo Anch'io. No, Tu No"»

    http://susyspecchi.splinder.com/post/20558948/Vengo+Anch%27io.+No%2C+Tu+No

    RispondiElimina

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.