giovedì 5 novembre 2009

Il nucleare di Scajola fa boom!

Sembra che le centrali nucleari EPR, quelle tanto volute da Scajola, abbiano un grosso problema: i sistemi di sicurezza (quelli utilizzati per mantenere il controllo della centrale in condizioni di malfunzionamento) non sono indipendenti dai sistemi di controllo (quelli utilizzati per l'esercizio dell'impianto in condizioni normali).
L'indipendenza è importante perché il sistema di sicurezza assicura la protezione contro il fallimento di un sistema di controllo, quindi non dovrebbero fallire insieme. Il progetto EPR, come originariamente proposto dai licenziatari e il costruttore, AREVA, non è conforme al principio di indipendenza , in quanto vi è un elevato grado di interconnessione tra i complessi sistemi di controllo e di sicurezza. In parole povere: se si guasta uno potrebbe non funzionare l'altro e la centrale fa boom!
Ad esprime queste precauzioni non sono dei sovversivi, terroristi, comunisti, ma le agenzie per la sicurezza nucleare francese (ASN), finlandese (STUK) e britannica (ND HSE).


Divulgate i rischi del nucleare

Grazie a "Informazione Libera" per la dritta.

Nessun commento:

Posta un commento

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.