lunedì 23 novembre 2009

Internet è un covo di terroristi e pedofili

La prima pagina del giornale governativo, oggi sfoggia tutta la "classe" di Feltri. Parte con il solito complotto comunista (tanto caro a Riina) e cerca di screditare il metodo dei pentiti.

Per non farci mancare nulla, attacca un po' la rete. In questo periodo va tanto di moda e non legarla al terrorismo "dilagante" (come testimonia la Santanchè) sarebbe un peccato mortale. Il messaggio "internet è un covo di terroristi e pedofili" funziona sempre.
Per finire, la solita anomalia italiana: i programmi televisivi osano andare contro il premier padrone. L'amico Putin sarebbe fiero di lui, magari gli farà una telefonata dopo aver fatto sparire l'ennesimo giornalista.

4 commenti:

  1. Quello che sembra incredibile è che molti, pian piano si sbituano a sentir parlare di giudici politicizzati.
    E invece, come spiegava ieri Report, stiamo svilolando verso un regime alla Putin.

    Aldo

    RispondiElimina
  2. Ma perchè per sti stronzi i giudici non potrebbero parlare in tv?
    Dobbiamo sentire solo chi fa da eco alla voce del padrone?
    Ma vaffanculo!
    E che cazzo vuol dire feccia?
    Chi? Quelli che usano Internet?
    Ma chi lo crea il terrorismo? Forse chi sfrutta e quindi genere malcontento e rabbia profonda.
    E che centra con Internet? E' aperto alle idee di tutti, mica come la tv a senso unico!
    RIVAFFANCULO!

    RispondiElimina
  3. Ma stiamo parlando dello stesso "il Giornale" ? http://dailystefstm.blogspot.com/2009/11/questa-mi-e-venuta-cosi-di-getto.html

    RispondiElimina
  4. @Aldo
    Report ha inquadrato bene la situazione, ormai si fa solo quello che dice il ducetto.

    @Danx
    "Ma chi lo crea il terrorismo? Forse chi sfrutta e quindi genere malcontento e rabbia profonda."
    Esatto.

    @StefsTM
    Si, proprio di quello :)

    RispondiElimina

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.