lunedì 18 gennaio 2010

Napolitano con Craxi

Napolitano riguardo ai processi contro Craxi: "Non si può dimenticare che la Corte dei Diritti dell'Uomo di Strasburgo ritenne, nel 2002, che fosse stato violato il 'diritto ad un processo equo' per uno degli aspetti indicati dalla Convenzione europea"

Non si può dimenticare, caro il mio Presidente, che i giudici hanno rispettato la legge e che quindi è stato il parlamento ad andare contro i diritti dell'uomo.

Dalla sentenza della Corte dei Diritti dell'Uomo:

Craxi "è stato condannato esclusivamente sulla base delle dichiarazioni rese prima del processo dai coimputati che si sono rifiutati di testimoniare (signori Cusani, Molino e Ligresti) e da una persona deceduta in seguito (signor Cagliari)." (Come prevedeva il codice di procedura penale)

"Il ricorrente o i suoi avvocati non hanno avuto alcuna possibilità d’interrogare questi testimoni, e non hanno potuto, di conseguenza, contestare le dichiarazioni che hanno costituito la base legale della condanna dell’interessato." (Conformemente al diritto interno pertinente)

"Pertanto, la Corte considera che vi è stata violazione dell’articolo 6 §§ 1 e 3 d) (diritto di interrogare o fare interrogare i testimoni)"


In parole povere, l'Italia è stata condannata perché la difesa non ha potuto contro interrogare i testimoni, ma tutto ciò era previsto dalla legge.

Il resto è qui, se avete obbiezioni i commenti sono sempre aperti.

6 commenti:

  1. Possibile che in uno dei periodi più bui della storia italiana ci ritroviamo con uno dei peggiori presidenti della repubblica? :(

    RispondiElimina
  2. Figura simbolo della difesa di Costituzione, Diritto, Giustizia, Legalità ed imparzialità, come già dimostrato a partire dalle inchieste di De Magistris...

    RispondiElimina
  3. mater mediterranea19 gennaio 2010 12:50

    E' vero che Napolitano è il presidente di tutti gli Italiani,e quindi anche di quelli che tanto perbene non si comportano,ancorchè, come alcuni dicono,grandi statisti;si sa, i figliuoli pridighi vengono accolti con banchetti e perdono.Ciò detto:non aveva altro a cui pensare il presidente degli Italiani in un momento in cui ad ogni minima distrazione gli sfilano la Costituzione da sotto il ....?Se alcuni hanno dei dubbi sullacorrettezza della sentenza che condanna Craxi,aspettino di rifare il processo e poi lo aureolino. P.S. Ma i beatificatori,di destra e di sinistra, temono forse di veder pregiudicata la futura intestazione di una via alle loro persone? P.S.Forse sono troppo prolissa.

    RispondiElimina
  4. Dallo storico discorso di Craxi alla fiducia del suo governo:
    <<
    Nessun responsabile politico di organizzazioni importanti" potrebbe alzarsi a giurare di non aver mai fatto riscorso a simili finanziamenti: "Presto o tardi i fatti si incaricherebbero di dichiararlo spergiuro". In questo campo, le sorprese non esistono: "Per esempio, nella materia tanto scottante dei finanziamenti dall' estero", aggiunge Craxi con chiaro riferimento all' ex Pci, "sarebbe solo il caso di ripetere l' arcinoto: "tutti lo sapevano, nessuno ne parlava"
    >>
    da: http://archiviostorico.corriere.it/1992/luglio/04/Craxi_spergiuro_chi_nega_tangenti_co_0_9207043045.shtml

    In quell'occasione mi fu "simpatico". Se non sbaglio, Napolitano era presidente della Camera.

    RispondiElimina
  5. Intanto, La Corte europea dei diritti dell'uomo:

    http://www.unita.it/news/italia/93891/imisir_corte_di_strasburgo_boccia_il_ricorso_di_previti

    RispondiElimina
  6. @Mattia Paoli
    Si

    @mater
    Prolissa? Qualcuno deve pur scrivere in questo blog :)

    @erripotter
    Si, era lui.

    RispondiElimina

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.