lunedì 25 ottobre 2010

Marchionne lavora 18 ore al giorno come quello che governa il paese


Nel 2009 Fiat ha venduto 1 milione 200 mila auto nella sola Europa. 393 mila in Italia (il 32,8%!), 180 mila in Germania, 100 mila in Francia e 75 mila nel Regno Unito. In Germania, Francia e Regno Unito sono state immatricola un totale di 352 mila auto della casa torinese. Meno che in Italia.
Marchionne ha detto "Senza l'Italia faremmo meglio". Ecco, ci provi a restare sul mercato con il 32,8% di vendite europee in meno. Questa, in verità, la ritengo una risposta ignorante che non tiene conto di numerosi fattori economici. Ma è una giusta risposta ad un'affermazione spicciola, impertinente e provocatoria che sminuisce il contributo del paese all'azienda.
Siamo di fronte al classico metodo Marchionne: picchia in testa, semina zizzania fra lavoratori e sindacati e tira dritto nel nome del dio mercato senza considerare che le auto vengono comprate anche dagli operai. Dice di lavorare 18 ore al giorno come quello che governa malamente il paese, pensateci.

2 commenti:

  1. Questo articolo è stato pubblicato dal Fatto Quotidiano di oggi!

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/10/25/marchionne-lavora-18-ore-al-giorno-come-b/73521/

    RispondiElimina
  2. l'unica verità che emerge, e lo spreco di parole che spendiamo, nel commentare articoli serviti ad arte, per sviare la moltitudine di lettori dalla realtà.
    chiara, è l'evidenza ha tutti i lettori, spogli da ideologie politiche, che non hanno più ragione di esistere, visti i risultati raggiunti in 62 anni di REPUBBLICA.
    risultati ottimi per i politici e le lobby che rappresentano, catastrofici per il popolo, chiamato col sacrificio al risanamento dei danni, quello che è peggio sono i ricatti sul costo del lavoro che i padroni ritengono troppo alto, mentre si spartiscono bonus da capogiro alla faccia della miseria.
    per loro siamo solo pedine da sacrificare nella scacchiera della vita,
    vi siete mai domandati il perche, ad ogni rinnovo contrattuale
    aumenta il costo della vita?.
    Semplice con il consenso di chi governa, sia di
    Destra o di sinistra,
    si permettono alle aziende ritardi, sulla scadenza quando va bene di circa due anni, erodendo cosi il potere di accuisto,
    l’aumento viene spalmato in più trance , quando sarà ultimato
    e prossima la nuova scadenza,
    il GOVERNO cosi facendo favorisce le lobby e le entrate delloSTATO arrecando danno alla classe OPERAIA, l’ingordigia è tale, che se confrontiamo gli stipendi dei nostri OPERAI, con quello dei PAESI appartenenti al G8 i nostri valgono minimo il 30% in meno. ITALIANI, grazie a questo sistema si difendono gli sfruttatori, danneggiando il POPOLO che come i gamberi torna indietro,
    Giovani svegliatevi, il vostro futuro lo stanno svendendo, stà a voi riappropiarvene. VITTORIO

    RispondiElimina

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.