giovedì 30 giugno 2011

Cota dimettiti

Michele Giovine è stato condannato a due anni e 8 mesi per le firme irregolari per l'accettazione delle candidature alle ultime elezioni regionali in Piemonte. È stato anche sospeso per due anni dai pubblici uffici e per cinque dai diritti elettorali. Con la Lista Pensionati per Cota aveva portato 27mila voti al governatore leghista.
In un paese civile Cota dovrebbe dimettersi e non dichiarare: «Io mi occupo di fare il lavoro di presidente della Regione. I voti che i piemontesi mi hanno dato sono voti veri e validi»
Ma questo non è un paese civile.

2 commenti:

  1. solo le persone oneste conoscono il significato della parola 'dimissioni'.

    RispondiElimina
  2. ..A proposito di serietà e correttezza della Lega...

    RispondiElimina

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.