domenica 5 giugno 2011

Gli israeliani sparano sui manifestanti

La tv siriana:
Quattordici persone sono state uccise, tra queste una donna ed un bambino, ed altre 225 sono state ferite dai tiri israeliani sulle alture del Golan

Manifestavano per ricordare l'anniversario della Guerra dei Sei giorni e hanno tentato di attraversare il confine.

8 commenti:

  1. Questi "manifestani" cercano di varcare illegalmente il confine israeliano con precise intenzione di creare e provocare disordini. Chi entra in casa mia senza il mio permesso va incontro alla mia difesa. Agli arabi sei guerre perse non sono bastate.

    RispondiElimina
  2. chi cerca rogne primo o poi le trova

    RispondiElimina
  3. Impara a scrivere. E a firmarti. O posti idee non tue e quindi non ti firmi per questo? O ti chiami Anonimo di nome?

    RispondiElimina
  4. O tu non la pensi come lui e quindi lo attacchi?

    Premetto che la condotta di Israele non mi piace quasi mai. Però qua la fine era scontata, i manifestanti sono stati dei *og*ion* punto e basta.

    Questa è più una notizia da StudioAperto che da ladridimarmelatta

    RispondiElimina
  5. Coglioni come quelli che dalle nostre parti si fanno pestare dalla polizia per difendere il diritto al lavoro.
    Vi ricordo che
    "Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite con la Risoluzione 497, che ha definito la decisione israeliana di imporre le sue leggi, la sua amministrazione e la sua giurisdizione sulle alture del Golan "nulla e priva di ogni rilevanza giuridica internazionale"."
    http://it.wikipedia.org/wiki/Alture_del_Golan

    RispondiElimina
  6. per Marco: impara a scrivere.

    RispondiElimina
  7. Chentu concas chentu berrittas; inutile e ingiusto contrattaccare sottolineando sviste ortografiche.
    mater

    RispondiElimina
  8. Io non ho mai detto che sia giusto ma solo scontato. Se un soldato israeliano ti deve sparare se attraversi un confine lui ti spara e tu muori. A dispetto di tutte le ragioni e risoluzioni del mondo. Andiamo questi qua sparano su contandini che coltivano la terra in Palestina e poi ci meravigliamo se uccidono un gruppo che attraversa illegalmete il confine.
    Mentre se io mi alzo una mattina e vado a Cagliari a manifestare per il lavoro e una vita dignitosa IN TEORIA non dovrei temere manganelli e fumogeni, per cui il parallelismo di Dangp è fuori luogo.


    Mi scuso fin da ora per gli errori.

    RispondiElimina

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.