giovedì 14 marzo 2013

Il Papa argentino

È l’erede materiale e spirituale di Karol Wojtyla e, per i cardinali che lo hanno eletto in conclave, deve essere apparso una scelta perfetta su più d’uno dei fronti aperti per la chiesa cattolica.
[…]

Se quelli indicati sono precedenti che ne fanno un complice pieno della dittatura sta al lettore deciderlo. A chi scrive il puntare il dito sembra troppo e l’assoluzione troppo poco. Bergoglio non fu né un Aramburu né un Von Wernich ma neanche un padre Mujíca, uno dei sacerdoti assassinati. Sta in una zona grigia, un quarantenne in ascesa, con un ruolo importante ma non ancora di spicco, in una chiesa argentina dove si mandava ad uccidere o si rischiava di essere uccisi.
Molto interessante, da leggere tutto se si vuol capire meglio da dove viene (e dove potrebbe andare) il nuovo papa.

Fonte: Il Papa argentino. Francesco I, il conservatore popolare nei torbidi della dittatura - Gennaro Carotenuto


(via gravitazero)

1 commento:

  1. non è tutto ferro quel che luccica....
    matermed.

    RispondiElimina

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.