mercoledì 13 novembre 2013

Attentato di Nassiriya: la memoria corta

Dopo le parole di Emanuela Corda sull'attentato di Nassiriya, Mario Mauro, ministro della Difesa, dice:
Ci sono i carnefici e ci sono le vittime. La Storia, grazie a Dio, ci rende possibile distinguere bene gli uni dagli altri.
Credo che questi giorni debbano essere dedicati alla memoria, al ricordo commosso, ma anche all'esaltazione del significato di ciò che è avvenuto, e quel significato è inequivoco

Ricordate anche voi la finta missione di peacekeeping per aiutare gli ammerigani che hanno invaso l'Iraq con delle motivazioni fasulle?

Nessun commento:

Posta un commento

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.