sabato 8 novembre 2008

Il metodo Cossiga funziona

Francesco_CossigaCossiga: "Per il consenso serve la paura"[...] "Un'efficace politica dell'ordine pubblico deve basarsi su un vasto consenso popolare, e il consenso si forma sulla paura, non verso le forze di polizia, ma verso i manifestanti" [...] "l'ideale sarebbe che di queste manifestazioni fosse vittima un passante, meglio un vecchio, una donna o un bambino, rimanendo ferito da qualche colpo di arma da fuoco sparato dai dimostranti: basterebbe una ferita lieve, ma meglio sarebbe se fosse grave, ma senza pericolo per la vita". "La gente deve odiare i manifestanti". Una situazione che farebbe crescere fra la gente "la paura dei manifestanti e con la paura l'odio verso di essi e i loro mandanti o chi da qualche loft, o da qualche redazione, ad esempio quella de L'Unità, li sorregge".[repubblica.it via Wil]
L'ex presidente della repubblica continua a suggerire metodi deprecabili per ripristinare l'ordine negli atenei e nelle scuole italiane. Queste disposizioni fasciste possono anche far inorridire le persone con un minimo di sensibilità democratica, ma sono l'esatta trascrizione dei dubbi, o certezze, che molti partecipanti a manifestazioni di protesta hanno espresso tutte le volte in cui c'è scappato il morto.
Non possiamo sapere se Cossiga vomiti queste parole di merda solo per mania di protagonismo o per "infiammare" le folle, però ci troviamo a leggere una dichiarazione che in qualche modo funge da avvertimento: occhio agli infiltrati.
Nell'attesa che giunga l'ambulanza con la sua camicia, si può proporre un ragionamento sulla parte più importante del suo discorso:"Per il consenso serve la paura". È quasi un postulato, le persone impaurite tendono ad aggrapparsi alle sottane dei loro governi e a dargli piena fiducia. È quello che è avvenuto dopo l'attacco alle torri gemelle: tv e giornali ripetevano in continuazione le parole terrorismo, vittime, attacco, etc, incutendo paura e insicurezza. Da allora siamo sottoposti a controlli che vanno ben oltre la privacy senza la benché minima protesta.
Purtroppo il "metodo Cossiga" funziona.

2 commenti:

  1. Rabbrividisco e mi rendo conto ogni giorno di più di quanto siamo limitati nelle nostre libertà se non possiamo neppure avere uno spazio per manifestare una idea.

    RispondiElimina
  2. È sempre stato e sempre sarà.

    RispondiElimina

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.