sabato 4 aprile 2009

Chi bombarda non è civile

FalconMentre Silvio continua a metterci in imbarazzo davanti al mondo, Obama chiede ai paesi europei di rafforzare le loro truppe in Afghanistan. Una guerra lunghissima che l'occidente combatte in nome dell'antiterrorismo. Che si vinca o che si perda, la guerra è guerra e una notizia di cronaca italiana ci fa scoprire cosa vuol dire scappare dalle bombe: bambini afghani dormono nei tombini di Roma. Tra i 10 e i 15 anni, pagavano per dormire nel posto più caldo che i soliti approfittatori mettevano loro a disposizione.
Storie di disperati che scappano nei paesi che bombardano le loro case e che speravano di dormire in un letto normale degno di un paese civile. Evidentemente non sapevano che chi bombarda non ha molta dimestichezza con la civiltà.

Aggiornamento [19:45] :
L'assessore alle Politiche sociali del Comune di Roma smentisce:
"Non hanno mai dormito nei tombini, ne' li hanno usati per tenere i loro oggetti, ma hanno passato le notti sulle panchine di piazzale Ostiense. Non so come sia uscita questa storia dei tombini, loro hanno detto di non averli neanche mai visti".

Nessun commento:

Posta un commento

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.