giovedì 25 giugno 2009

Non scriverò più sull'Iran

Non scriverò più neanche un riga sulla rivolte in Iran. Non mi fido più ne delle dichiarazioni del governo Ahmadinajad, ne dei vari blog o siti pro Mousavi, ne della stampa occidentale.
Del governo iraniano non mi fido da sempre, sopratutto da quando ha cacciato via la stampa estera. L'attendibilità dei vari siti pro Mousavi, con i video su YouTube, è molto difficile da accertare. Sono testimonianze di gente che non conosco e i loro video poi... Video che neanche Dario Argento avrebbe potuto fare meglio, ma con questo non voglio negare la loro autenticità. Guardatevi questi, per esempio, e provate a dirmi se sono autentici. Non si vede un poliziotto e tutto il resto - urla, fuoco e sangue - sembra tratto da un film dell'orrore.
Poi c'è la stampa occidentale. Come posso fidarmi di un articolo che spara: 'I blogger: La polizia spara sulla folla - La Cnn: "e' un massacro"' e poi vai a scoprire che sono testimonianze di gente comune e non giornalisti dell'emittente. Hanno titolato di brogli ammessi da Teheran: «ci sono tre milioni di voti in più in 50 distretti», poi vai a leggere bene e scrivono: "«Se supponiamo che i voti contati in questi 50 distretti siano circa tre milioni - ha detto Katkhodai". Se supponiamo?
Dunque basta, almeno per un bel po.

8 commenti:

  1. ripeto la mia idea.
    Paesi con le maggiori riserve di petrolio*:

    1 Arabia Saudita Mln. di barili 264.300

    2 Iran Milioni di barili 137.500

    3 Iraq Milioni di barili 115.000

    *Fonte : BP Statistical Review of World Energy - June 2007.

    Col primo sono amici, il terzo se lo sono presi, col secondo...sappiamo che se sale al governo Mousavi aprirà agli Usa. Certo, questo non giustifica in alcun modo alcuna violenza sui liberi cittadini, ma bisogna ammettere che è davvero difficile districarsi tra video e notizie "strane". La cosa che mi pare meno credibile è che il governo in carica non rilasci dichiarazioni distensive, non smentisca nulla di quanto viene imputato. Sembra si limitino ad indicare GB e USA come cattivi, nulla più.

    RispondiElimina
  2. "Sembra si limitino ad indicare GB e USA come cattivi, nulla più."
    Come fa Silvio con la stampa estera.

    RispondiElimina
  3. scusami ma pensi che i giornalisti siano più attendibili dei tuoi occhi e delle tue orecchie?
    credici!
    quello che vedi su yutoube è solo una parte di quello che è accaduto!
    I giornalisti si piegano alle ragioni di stato(affari d'oro)che passano sul sangue e i diritti della gente.I Pasdaran hanno diritto di vita di morte, una speciale immunità che li autorizza a commettere qualsiasi atrocità. e poi secondo voi perchè avrebbero buttato fuori i giornalisti? Perchè avrebbero ucciso Zara Kazemi
    che fotografava i parenti degli studenti arrestati? Non avete idea di che orrore! Abbiamo il dovere di diffondere tutto cio' che ci arriva.

    RispondiElimina
  4. "Abbiamo il dovere di diffondere tutto cio' che ci arriva."
    Assolutamente no, se permetti nel mio blog decido io cosa scriverci.
    E poi la stampa internazionale sta dedicando parecchio spazio alle vicende iraniane e sta pure dalla parte di Mousavi.

    RispondiElimina
  5. Sembra che Moussavi sia il salvatore della Patria, anzi, meglio, un eroe romantico per elargire diritti a giovani e donne, quando negli anni 80 non era tanto diverso dall'attuale capo. O sbaglio??
    Penso semplicemente che i giovani siano stati aizzati con un buon marketing all'ammmerigana per portare nel mondo il nome di Moussavi, che probabilmente è più aperto alle liberalizzazioni...eeeh quanto buon petrolio c'è in Iran!
    Cmq mi pare ovvio che se la folla vuole rovesciare un Governo, esso reagisca!

    RispondiElimina
  6. scusate io non avevo nessuna intenzione di diffendere mussavi Lui è uomo del regime teocratico, ha le mani sporche di sangue come tutti gli altri. Io chiedevo di dare voce alla gente iraniana. Le manifestazioni cosi dette dell'onda verde sonopresentate dai media come pro regim Mussavi,ma la gente urla "popolo iraniano buttiamo giu' questo regime" morte ai dittatori.L'unica novità di queste elezioni e che erano palesemente false , ma non lo erano di meno in passato.Solo che stavolta sono stati esageratamente spudorati.All'occidente fa comodo che restino, se il governo non è corrotto non si fanno buoni affari .Però questo regime è una scheggia impazita non controllabile hanno il diffeto di voler esportare la velait faghih ovvunque e di imporreil loro volere senza rispettare mai i patti, e qui si deve far finta di essere democratici.E'iniziata come una guerra di potere interna ma il popolo si sta ribbellando a 30 anni di sopprusi. Nessuno in Iran oltre a quelli del regime li vuole. Marghbar diktator(morte al dittatore), azadi azadi(libertà libertà) io sono con il popolo iraniano che urla questi slogan

    RispondiElimina
  7. Facciamo così, leggiti questo:
    "LETTERA APERTA AI SURFISTI DELL’ONDA “VERDE” PERSIANA"
    Ha la stessa attendibilità delle notizie sui blog dell'onda verde.

    RispondiElimina

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.