sabato 26 giugno 2010

Giovanardi e il Dc9

Il sottosegretario Giovanardi, quando non è occupato nel fondamentalismo cattolico, tende a sparare fesserie come queste: "Le sentenze hanno spazzato via l'ipotesi del missile e della battaglia aerea. Sappiamo ormai con certezza che non c'erano aerei in prossimità del Dc9 e che le tracce accertate sui resti dell'aereo, come tutti possono vedere a Bologna, sono quelle di una bomba."

Non è stato spazzato un bel niente purtroppo. L'inchiesta sulla strage di Ustica è costellata di dubbi e indebolita da una miriade di prove scomparse. Ricordiamo un paio di testimonianze:

Francesco Cossiga: "furono i nostri servizi segreti che, quando io ero presidente della Repubblica, informarono l'allora sottosegretario Giuliano Amato e me che erano stati i francesi, con un aereo della marina, a lanciare un missile non a impatto, ma a risonanza. Se fosse stato a impatto non ci sarebbe nulla dell'aereo"

Gianni De Michelis: "Non è che tu il 'sotto il tavolo' lo devi spiegare tutti i giorni. Ci sono cose che non possono e non devono avere delle risposte."

Nessun commento:

Posta un commento

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.