giovedì 22 maggio 2008

Il nucleare di Scajola

"Entro questa legislatura porremo la prima pietra per la costruzione nel nostro paese di un gruppo di centrali nucleari di nuova generazione". Lo ha detto il ministro dello Sviluppo Economico, Claudio Scajola, intervenendo all'assemblea di Confindustria.[Rebubblica]
Il cerchio si chiude, grazie al Dpcm entrato in vigore il 1º maggio con il governo Prodi, dove il segreto di Stato potrà essere applicato anche ad “impianti civili per produzione di energia”, Silvio e i suoi lacchè potranno costruire le loro centrali nucleari e non avranno più problemi nel sotterrare le scorie prodotte.
Poco importa se la nazione dovrà accollarsi le spese di smaltimento e dismissione, o se le nostre acque contaminate da plutonio, in forma di nanocluster, saranno impossibili da bonificare, l'importante è che le nostre aziende abbiano energia a basso costo.
Anche il Basso costo è una leggenda, lo stesso Rubbia aveva detto ad Annozero che il nucleare è una fonte energetica troppo costosa e che diventa conveniente solo con gli aiuti statali.
Intanto stanno buttando nel cesso il nostro referendum e anche qualcosa di più importante: la nostra salute.

2 commenti:

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.