giovedì 6 novembre 2008

Addio Bush

BushTutti a parlare e scrivere di Obama e McCain, pochi spendono parole d'addio per Bush e il suo mandato. I pochi che ne scrivono, anche quelli di destra, lo criticano con le solite frasi di circostanza tipo: ha grosse responsabilità sulla crisi economica, il paese è in ginocchio per colpa sua, etc.
Noi vogliamo ricordarlo così: con la mozione di impeachment, presentata dal deputato Dennis Kucinich, che lo accusava di aver mentito al Congresso ed all'opinione pubblica americana per ottenere nel 2002 l'autorizzazione ad attaccare l'Iraq; con i legami della sua famiglia con i Bin Laden fino a due mesi dopo l'11 settembre; con i quattrocento milioni di dollari ottenuti dalla fine del 2007 per estendere le operazioni clandestine coordinate dalla Cia e dalle forze speciali del Pentagono per "destabilizzare la leadership religiosa" di Teheran; con la sua incredulità quando si è scoperto che l'Iraq possedeva le riserve petrolifere più grandi al mondo; con il suo amico Karzai, il presidente dell'Afghanistan, ex impiegato della compagnia petrolifera degli Stati Uniti Unocal, compagnia che ha fatto un'offerta per costruire un oleodotto dall'Uzbekistan ai porti marittimi nel Pakistan attraverso l'Afghanistan; con i sui morti, tanti morti.
Non ci mancherai George Walker.

2 commenti:

  1. Finiti i tempi dell'amico George .. adesso tutti sul carro dei vincitori.

    come è corta la memoria degli italiani
    Aldo

    RispondiElimina
  2. È sempre stato così ... purtroppo.

    RispondiElimina

Se non volete lasciare i vostri dati personali basta selezionare "Commenta come: Nome/URL" e scrivere un nome qualsiasi.