giovedì 31 maggio 2012

Il paese dove volevano costruire le centrali nucleari

Comunicato stampa N° 1718 del 12/12/2005
Come cambiano le norme tecniche per l’edilizia dopo l’entrata in vigore, nell’ottobre scorso, del decreto ministeriale che ha riclassificato le zone sismiche. [...] Con il decreto, infatti, deciso dopo il terremoto di S.Giuliano di Puglia nel 2002, sono sette i Comuni modenesi inseriti nella fascia 2 considerata a "media sismicità": Castelvetro, Fiorano, Formigine, Frassinoro, Maranello, Pievepelago e Sassuolo; mentre tutti gli altri 40 Comuni modenesi sono stati inseriti nella fascia 3 a "bassa sismicità".
www.provincia.modena.it

Tutti i comuni considerati a "media sismicità" si trovano a sud di Modena, quelli interessati dagli ultimi eventi sismici a nord.
Questo genere di incongruenze non sembrano imputabili agli accademici del settore, come evidenziato nel video sottostante, ma al legislatore. Questo è il paese dove volevano costruire le centrali nucleari.

martedì 29 maggio 2012

#PrayForEarthquakeInItaly

Ci sono cose che proprio non riesco a capire, una di queste è invitare a pregare per il terremoto:


(Cliccare sull'immagine per ingrandire)

venerdì 25 maggio 2012

Il maggiordomo del Papa e Bruno Vespa

Tra i documenti che il maggiordomo del Papa avrebbe trafugato, c'è una storiella "curiosa" che Gianluigi Nuzzi racconta così:

Volevo evidenziare il flusso di denaro proveniente da tante personalità. Credo che il fatto che Bruno Vespa ceni a casa sua con il Segretario di Stato Tarcisio Bertone non sia un fatto proprio usuale. C'è un mondo, che non conosciamo, che dialoga con il Vaticano, un mondo di relazioni che è emblematico [...]. Mi piaceva e mi interessava il fatto che Vespa chiedesse un appuntamento a Papa Benedetto XVI nella stessa lettera in cui versa diecimila euro. Letta, Geronzi, Bisignani, sono tutti uomini che hanno ruotato in quel mondo, tutta quella rete relazionale e' stata un pezzo importante del potere politico ed economico in Italia ed era giusto raccontarlo. Vespa rappresenta un'interfaccia mediatica. Mi incuriosiva perché lui chiede un appuntamento con il Papa e c'è un'attenzione che normalmente, se lei scrive al Papa o a chi per lui, certo non le rivolgono, non valutano la sua lettera.

Dunque, "il maggiordomo del Papa e Bruno Vespa" si può leggere anche come "UN maggiordomo del Papa È Bruno Vespa". Poi i diecimila euro sembrano solo un presente usuale da allegare alla richiesta d'udienza.

mercoledì 23 maggio 2012

La Francia si ritira dall'Afghanistan

Le retrait d'Afghanistan, fin 2012, des forces combattantes françaises est confirmé
www.lemonde.fr

Le nouveau président français François Hollande n'a pas lui caché sa satisfaction d'avoir fait accepter, sans encombre, sa décision de retirer les troupes françaises combattantes dès la fin de 2012, deux ans avant le calendrier de l'Otan.
www.liberation.fr

In italiano ho trovato solo questo:

Il neoeletto presidente francese François Hollande è andato a Chicago a comunicare agli americani e agli alleati della Nato che la Francia si chiama fuori dalla guerra in Afghanistan. “Una decisione già presa e non negoziabile”, ha chiarito il nuovo inquilino del’Eliseo.
www.eilmensile.it

E l'Italia? L'Italia, evidentemente, ha molti soldi da spendere e una gran voglia di ammazzare gente.

martedì 22 maggio 2012

La Lega ha perso

Terremoto nel nord italia... Ci scusiamo per i disagi ma la padania si sta staccando (la prossima volta faremo più piano)...
(Scritta da un segretario comunale della Lega Nord dopo il sisma che ha colpito l'Emilia Romagna)

La Lega ha perso sette ballottaggi su sette. "È la Padania che si sta staccando dall’Italia e si sta attaccando al cazzo".
(Scritta da qualcuno e ripresa da molti)

lunedì 21 maggio 2012

Lo Stato non risarcirà i terremotati

In caso di terremoto, alluvione, o di ogni altra catastrofe naturale, lo Stato non pagherà più i danni ai cittadini. Che, dunque, per vedere la casa o l'azienda ricostruita, avranno una sola strada: ricorrere all'assicurazione "volontaria". [...] È vero che il provvedimento prevede già un «regime transitorio anche a fini sperimentali» e dunque non diventerà né immediatamente operativo - entro 90 giorni dovrà essere emanato un regolamento che stabilisce «modalità e termini»

Così dice il decreto del governo Monti che riforma la protezione civile pubblicato sulla Gazzetta del 16 maggio. Il provvedimento prevede che la durata dello stato d'emergenza, cioè il periodo in cui è lo Stato a farsi carico di tutte le spese, può essere di 60 giorni con un'unica proroga di altri 40. Dopo sono cazzi degli emiliani.

sabato 19 maggio 2012

La morta su Facebook

Rubare le foto dal profilo su Facebook della ragazza morta nell'attentato e pubblicarle per fare cassa... VERGOGNA!

giovedì 17 maggio 2012

L’omosessualità è contro natura

L'omosessualità è contro natura. Ma anche camminare sull'acqua, morire e risorgere, moltiplicare il cibo e rimanere incinta da vergine.
Davide La Rosa

martedì 15 maggio 2012

Un'ambulanza per il Pd

Il segretario del Pd non le sa fare le battute:
Non c'è solo di fronte il contribuente e lo Stato - agguinge Bersani - c'è contribuente e chi non paga le tasse, chi le paga ha diritto ad avere l'ambulanza quando ne ha bisogno, chi non le paga non sono così sicuro che ne abbia diritto


La Lega 1.0

Maroni è da un bel po' di tempo che ripete continuamente "Lega 2.0":
Il congresso servirà anche per rilanciare l’azione politica. Questa pagina, con episodi come quelli della Tanzania e dintorni, è chiusa, riguarda la Lega del passato. Ora serve una Lega 2.0

Cominciassero a far commentare nel loro sito, tanto per iniziare.

lunedì 14 maggio 2012

5° Festa di Emergency a Cagliari

Il gruppo Emergency di Cagliari vi invita in via Calamattia 21 allo Zero Café venerdì 18 maggio 2012 h.22:00. Il ricavato della serata verrà devoluto a favore del centro pediatrico di Emergency a Bangui.

Evento su Facebook.

Mappa:


Visualizzazione ingrandita della mappa

Locandina:

Dialogatori a pagamento per la Marcia per la Vita

Annuncio apparso su www.infojobs.it:


Inoltre:
Si offre una retribuzione di 35/40 euro netti.
[...]
Requisiti

Titolo di studio minimo: Senza studi
Esperienza minima: Non richiesta

Probabilmente non hanno trovato volontari, le stupidaggini da propagandare erano troppo grosse.

Grazie a dario per la segnalazione.

venerdì 11 maggio 2012

L'Italia come Genova?

In questo periodo di gambizzazioni e rivendicazioni "curiose", di ministri che allarmano sul rischio della tenuta sociale del Paese e di attacchi agli uffici di Equitalia in massa, la nomina di un poliziotto ad Autorità delegata all'intelligence la trovo un po' allarmante. Se poi si tratta di De Gennaro, la vedo ancora più brutta.

giovedì 10 maggio 2012

I blog non sono stampa clandesina

Storica sentenza della Cassazione: i blog non sono stampa clandestina e non sono un prodotto editoriale. Assolto Carlo Ruta, giornalista e saggista siciliano, condannato nel 2008 dal tribunale di Modica per il reato di stampa clandestina, pronuncia confermata poi nel 2011 dalla Corte di appello di Catania.

martedì 8 maggio 2012

Referendum in Sardegna: netta prevalenza dei sì

Sta passando un po' in sordina, come una curiosità, sommersa dai risultati delle elezioni amministrative. I risultati dello scrutinio dei dieci quesiti referendari nelle 1.826 sezioni sarde confermano la posizione prevalente degli isolani a favore del sì. Non è un risultato da poco: niente province, meno consiglieri regionali, riscrittura dello Statuto della Regione, etc.
Ecco i risultati definitivi:

██ Referendum n. 1:
“Volete voi che sia abrogata la legge regionale sarda 2 gennaio 1997, n. 4 e successive integrazioni e modificazioni recante disposizioni in materia di “Riassetto generale delle Province e procedure ordinarie per l’istituzione di nuove Province e la modificazione delle circoscrizioni provinciali?”.
██ Sì 96,94% - No 3,05%

██ Referendum n. 2:
“Volete voi che sia abrogata la legge regionale sarda 1 luglio 2002, n. 10 recante disposizioni in materia di “Adempimenti conseguenti alla istituzione di nuove Province, norme sugli amministratori locali e modifiche alla legge regionale 2 gennaio 1997, n. 4?”.
██ Sì 97,60% - No 2,39%

██ Referendum n. 3:
“Volete voi che sia abrogata la deliberazione del Consiglio regionale della Sardegna del 31 marzo 1999 (pubblicata sul BURAS n. 11 del 9 aprile 1999) contenente “La previsione delle nuove circoscrizioni provinciali della Sardegna, ai sensi dell’art. 4 della legge regionale 2 gennaio 1997, n. 4?”.
██ Sì 97,71% - No 2,28%

██ Referendum n. 4:
“Volete voi che sia abrogata la legge regionale sarda 12 luglio 2001, n. 9 recante disposizioni in materia di “Istituzione delle Province di Carbonia-Iglesias, del Medio Campidano, dell’Ogliastra e di Olbia-Tempio?”.
██ Sì 96,87% - No 3,12%

██ Referendum n. 5:
“Siete voi favorevoli all’abolizione delle quattro province “storiche” della Sardegna, Cagliari, Sassari, Nuoro e Oristano?”.
██ Sì 65,98% - No 34,01%

██ Referendum n. 6:
“Siete voi favorevoli alla riscrittura dello Statuto della Regione Autonoma della Sardegna da parte di un’ Assemblea Costituente eletta a suffragio universale da tutti i cittadini sardi?”.
██ Sì 94,42% - No 5,57%

██ Referendum n. 7:
“Siete voi favorevoli all’elezione diretta del Presidente della Regione Autonoma della Sardegna, scelto attraverso elezioni primarie normate per legge?”.
██ Sì 96,85% - No 3,14%

██ Referendum n. 8:
“Volete voi che sia abrogato l’art. 1 della legge regionale sarda 7 aprile 1966, n. 2 recante “Provvedimenti relativi al Consiglio regionale della Sardegna” e successive modificazioni?”.
██ Sì 97,17% - No 2,82%

██ Referendum n. 9:
“Siete voi favorevoli all’abolizione dei consigli di amministrazione di tutti gli Enti strumentali e Agenzie della Regione Autonoma della Sardegna?”.
██ Sì 97,06% - No 2,93%

██ Referendum n. 10:
“Siete voi favorevoli alla riduzione a cinquanta del numero dei componenti del Consiglio regionale della Regione Autonoma della Sardegna?”.
██ Sì 98,27% - No 1,72%

www.regione.sardegna.it

venerdì 4 maggio 2012

Uno scout non può essere frocio

I gay "hanno problemi con se' stessi", un fatto "di natura cerebrale" che necessita dell'intervento di uno psicologo. È destinata a suscitare polemiche la pubblicazione degli atti del convegno "Omosessualita': nodi da sciogliere nelle comunita' capi" degli scout dell'Agesci.
www.rainews24.it
Le teorie che ponevano in relazione l'omosessualità e la psicopatologia sono state eliminate dal "Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali" nel 1973. E questi trogloditi stanno ancora lì a ripeterle.

giovedì 3 maggio 2012

Sardegna: referendum di domenica 6 maggio 2012

10 referendum regionali
domenica 6 maggio
Si vota per i 10 referendum consultivi e abrogativi nella giornata di domenica 6 maggio, dalle ore 7.00 alle ore 22.00, barrando il SÌ o il NO relativi ai quesiti proposti.


██ Referendum n. 1:
“Volete voi che sia abrogata la legge regionale sarda 2 gennaio 1997, n. 4 e successive integrazioni e modificazioni recante disposizioni in materia di “Riassetto generale delle Province e procedure ordinarie per l’istituzione di nuove Province e la modificazione delle circoscrizioni provinciali?”.
██ Referendum n. 2:
“Volete voi che sia abrogata la legge regionale sarda 1 luglio 2002, n. 10 recante disposizioni in materia di “Adempimenti conseguenti alla istituzione di nuove Province, norme sugli amministratori locali e modifiche alla legge regionale 2 gennaio 1997, n. 4?”.
██ Referendum n. 3:
“Volete voi che sia abrogata la deliberazione del Consiglio regionale della Sardegna del 31 marzo 1999 (pubblicata sul BURAS n. 11 del 9 aprile 1999) contenente “La previsione delle nuove circoscrizioni provinciali della Sardegna, ai sensi dell’art. 4 della legge regionale 2 gennaio 1997, n. 4?”.
██ Referendum n. 4:
“Volete voi che sia abrogata la legge regionale sarda 12 luglio 2001, n. 9 recante disposizioni in materia di “Istituzione delle Province di Carbonia-Iglesias, del Medio Campidano, dell’Ogliastra e di Olbia-Tempio?”.
██ Referendum n. 5:
“Siete voi favorevoli all’abolizione delle quattro province “storiche” della Sardegna, Cagliari, Sassari, Nuoro e Oristano?”.
██ Referendum n. 6:
“Siete voi favorevoli alla riscrittura dello Statuto della Regione Autonoma della Sardegna da parte di un’ Assemblea Costituente eletta a suffragio universale da tutti i cittadini sardi?”.
██ Referendum n. 7:
“Siete voi favorevoli all’elezione diretta del Presidente della Regione Autonoma della Sardegna, scelto attraverso elezioni primarie normate per legge?”.
██ Referendum n. 8:
“Volete voi che sia abrogato l’art. 1 della legge regionale sarda 7 aprile 1966, n. 2 recante “Provvedimenti relativi al Consiglio regionale della Sardegna” e successive modificazioni?”.
██ Referendum n. 9:
“Siete voi favorevoli all’abolizione dei consigli di amministrazione di tutti gli Enti strumentali e Agenzie della Regione Autonoma della Sardegna?”.
██ Referendum n. 10:
“Siete voi favorevoli alla riduzione a cinquanta del numero dei componenti del Consiglio regionale della Regione Autonoma della Sardegna?”.

www.regione.sardegna.it

martedì 1 maggio 2012