giovedì 29 maggio 2008

5 centrali elettriche termonucleari basteranno?

L'andamento della potenza elettrica erogata dagli impianti italiani si può vedere in questo grafico:

potenza

Tra 5 anni avremo superato abbondantemente i 100000 MW; 5 centrali nucleari da 1300 MW (una taglia di centrale nucleare molto grande e di tipo PWR) erogano una potenza di 6500 MW, cioè il 6,5% della potenza totale suddetta.
Passeremo da 100000MW a 106500MW e non sembra un risultato eclatante, anche perché l'aumento di potenza erogata è di 10000 MW ogni 3 anni! L'anno dopo l'inaugurazione delle centrali saremo punto e accapo.
Ridimensionato l'ottimismo di Scajola, si può constatare che l'aumento di richiesta energetica (che è superiore all'offerta nostrana) è insostenibile.
O ci diamo una regolata o finiremo a chiedere l'elemosina per pagare la bolletta.

fonti:
www.fisicamente.net
www.terna.it

Il Papa chiede più soldi ai cittadini italiani

Benedetto XVI:«In uno Stato democratico, che si onora di promuovere la libera iniziativa in ogni campo, non sembra giustificarsi l'esclusione di un adeguato sostegno all'impegno delle istituzioni ecclesiastiche nel campo scolastico»
Il Papa chiede più soldi ai cittadini italiani, sembra che i 4 miliardi di euro, che elargiamo ogni anno al sistema Chiesa, non siano sufficienti.
La scuola pubblica ha bisogno di ulteriori finanziamenti, ma lui ci chiede altri soldi per i suoi centri di indottrinamento.
Il tipo in Zeitgeist ci aveva proprio azzeccato.

"... devo dirvi la verità, gente. Devo dirvela.
Quando si tratta di stro***te... delle stro***te più grandi di tutti i tempi... stro***te di serie A...
... dovete avere soggezione della campionessa di tutti i tempi in termini di false promesse e pretese esagerate...
... la Religione.
Pensateci! La Religione è riuscita a convincere la gente che c'è un uomo invisibile che vive nel cielo, che vede tutto quello che fai ogni minuto, ogni giorno.
L'uomo invisibile ha una lista speciale di dieci comandamenti che non vuole che tu faccia.
Se tu fai una qualsiasi di queste dieci cose c'è un posto speciale, pieno di fumo, dove si brucia, si viene torturati e si soffre, dove sarai mendato a vivere, a soffrire, a bruciare, a tossire, a urlare, a piangere, per sempre fino alla fine dei tempi ...
... ma lui ti ama!
Ti ama. Ti ama e ha bisogno dei tuoi soldi! Ha sempre bisogno di soldi!
Lui ha tutti i poteri, è assolutamente perfetto, sa tutto, vede tutto, ma per un motivo o per l'altro...
... non riesce proprio a tener dietro ai soldi!
La religione, raccoglie milioni di dollari, loro non pagano le tasse e hanno sempre bisogno di qualcosa di più."


dal film Zeitgeist.

Zeitgeist

mercoledì 28 maggio 2008

Dove fanno il deserto, quello chiamano pace

Atque ubi solitudinem faciunt pacem appellant.
Dove fanno il deserto, quello chiamano pace.

"De Vita Agricolae", Tacito - 98 d.C.

Fascismo in Italia

fasciRaid squadristico al Pigneto, assassinio di Verona, il rogo di Ponticelli, due ragazzi ammazzati in motorino a via Nomentana, la morte di Hasan Nejl, persona abbandonata e ignorata nel centro di accoglienza, aggressione a Christian Floris di Radio DeeGay, aggressione ad un gruppo di studenti a Roma.
Quante persone devono morire per far capire alla società civile che bisogna rispondere con fermezza a questi attacchi?
Bisogna assolutamente iniziare a manifestare pacificamente il dissenso e pretendere dalla nostra classe politica una condanna chiara e ineludibile, basta tergiversare sulla palese responsabilità della destra italiana.
Questo è il risultato di anni passati a sottovalutare il fenomeno Fascismo in Italia, chiunque ha visto maglie con svastiche o sfondi per cellulare con croci celtiche ma nessuno ha fatto niente, qualcuno brontolava un po e diceva: “so' ragazzi”.
Forse so' solo ragazzi, so' ragazzi che uccidono la democrazia.

martedì 27 maggio 2008

Israele possiede 150 bombe nucleari

Jimmy CarterJimmy Carter, ex presidente degli Stai Uniti e premio Nobel, rivela al 'Times' di Londra che Israele possiede 150 bombe nucleari, le sue dichiarazioni hanno suscitato scalpore perché Israele non ha mai ammesso di averle.
Ha usato parole dure anche contro l'UE che mantiene una posizione passiva sul conflitto israelo-palestinese e non interviene per tentare di fermare l'embargo che sta riducendo alla fame gli abitanti di Gaza.
Carter sa benissimo che Israele è strategicamente troppo importante per agli USA, probabilmente sa pure che la situazione palestinese serve a tenere accesa la miccia che farà esplodere l'Iran.
Il premio Nobel potrebbe essere più chiaro quando parla dell'UE, potrebbe dire, ad esempio, che l'UE non vuole intromettersi nelle scelte israeliane (e quindi USA) perché è parte attiva nelle mire espansionistiche in Medio Oriente.
Jimmy Carter sarà pure premio Nobel per la pace, ma parla da ex presidente degli Stati Uniti d'America.

Tema di un alunno di Ponticelli

Poi anche loro producono immondizia.
Una cosa che vorrei sottolineare: non siamo razzisti, è perché loro si sono presi troppo la mano e quindi noi abbiamo dovuto cacciarli via, e per cacciarli via abbiamo dovuto incendiare i loro campi, in cui si erano stabiliti.
Io penso che noi Napoletani abbiamo fatto bene a cacciarli via, ma alcune persone non la pensano così. [Tema di un alunno di Ponticelli]

Una volta si gridava "noi non siamo Napoletani", "forza Vesuvio", "Napoli colera" e "Cannavaro terun".
Se i bambini ripetono le minchiate dei grandi che ripetono le minchiate della tv che ripete le minchiate dei politici, chi è più minchione?

In Iraq 1500 dollari per un rene

Baghdad“Ebbi 1500 dollari per il mio rene, 2 mesi dopo mia moglie ottenne un pagamento migliore, 3000 dollari, perché l'uomo che lo comprò stava quasi morendo”.
“Una volta sono stato costretto a rifiutarmi di operare un bambino dopo aver scoperto che il donatore, un bimbo di 12 anni, era stato obbligato dal padre che aveva venduto il rene di suo figlio per 4000 dollari ”
Storie di iracheni che vendono i loro organi per fame, non possono fare altro, in uno dei paesi più ricchi di petrolio manca il cibo per i poveri.
L’Iraq, che è membro dell' Opec e possiede le terze riserve di petrolio più grandi al mondo, ha guadagnato 38 miliardi di dollari in esportazioni di petrolio lo scorso anno.
Per il 2008 il paese ha già rastrellato 20 miliardi di dollari da spedizioni petrolifere sino ad aprile, secondo il Dipartimento dell'energia Usa.
Gli Stati Uniti si sono dimenticati di esportare il cibo democratico.

fonte:www.comedonchisciotte.org

lunedì 26 maggio 2008

Bin Laden è su Marte

Secondo la Tv satellitare 'al-Arabiya' il leader di al-Qaeda, Osama Bin Laden, si nasconde nel nord del Pakistan nei pressi del K2. E' lì che i servizi segreti americani hanno intenzione di stanarlo organizzando un'operazione militare di vasta portata che interesserà tutta la parte settentrionale delle aree tribali pakistane.[Repubblica]

PHOENIXLa notizia ripetitiva per eccellenza, prima viene avvistato in Afghanistan, poi in Pakistan e poi in decine di altri posti, fonti segrete hanno rivelato che la sonda Phoenix è stata mandata su Marte per cercarlo!
A parte gli scherzi, è strano che i servizi americani lascino trapelare una notizia così importante che mette a repentaglio tutta la missione, ma forse è più strana la coincidenza con le ultime notizie dal fronte Iran.

domenica 25 maggio 2008

Rapimento di una bambina a Napoli: una montatura

Secondo il Gruppo EveryOne il caso di Angelica, ragazza Rom accusata del tentato rapimento di una bambina di sei mesi avvenuto a Napoli, nel quartiere Ponticelli, è una montatura.
[...]Vi sono poi discordanze fra le testimonianze della Martinelli, di suo padre e dei vicini. La donna in un primo momento ha dichiarato che la porta del suo appartamento sarebbe stata forzata, poi ha ricordato di averla lasciata aperta. Dopo aver notato la porta aperta, la madre sarebbe andata a controllare la culla, quindi sarebbe tornata verso il pianerottolo dove avrebbe sorpreso - passati almeno venti secondi - la ragazzina Rom con la sua piccola in braccio. Non solo: avrebbe avuto ancora il tempo di raggiungerla e strapparle la bambina. Quindi la Rom si sarebbe mossa al rallentatore, consentendo a nonno Ciro di raggiungerla, afferrarla e schiaffeggiarla al piano di sotto. Alcuni dei vicini hanno riferito alle autorità che Angelica aveva ancora la bambina in braccio, quando l'hanno fermata. Ma non basta, perché nei giorni precedenti al fatto, gli inquilini della palazzina si erano riuniti più volte, con un solo ordine del giorno: come ottenere lo sgombero delle famiglie Rom accampate a Ponticelli.[...]
Continua...

Consumi di petrolio marzo 2008

Nel mese di marzo l'Italia ha consumato 6 milioni 651 mila tonnellate di petrolio, la metà di questi consumi è dovuto all' autotrazione (automobili, camion, etc), il 10 % ad altri tipi di trasporti ( aerei, navi, etc) e quasi il 40% per altri usi (gasolio per il riscaldamento, olio combustibile, petrolchimica, etc), il 60% del petrolio consumato l'abbiamo usato per spostarci e per far andare avanti e indietro le nostre merci.
Se continuiamo a consumarne così tanto il suo prezzo aumenterà e di conseguenza aumenterà il costo delle altre merci abbassando notevolmente il nostro potere d'acquisto, crescerà anche l'inquinamento che causerà malattie e l'innalzamento della temperature terrestre.

petrolio

Dettaglio dei consumi espressi in migliaia ti tonnellate:

Gpl autotrazione 275 4,13 %
Benzina autotrazione 900 13,53 %
Petrolio 1 0,02 %
Carboturbo (trasporto aereo) 332 4,99 %
Gasolio motori 2171 32,64 %
Gasolio riscaldamento 177 2,66 %
Gasolio agricolo 143 2,15 %
Gasolio marina 30 0,45 %
Olio combustibile Atz (altri usi) 49 0,74 %
Olio combustibile Btz “ 121 1,82 %
Olio combustibile fluido (3/5° E) “ 3 0,05 %
Lubrificanti 45 0,68 %
Bitume 170 2,56 %
Altri prodotti 305,5 4,59 %
Fabbisogno petrolchimico netto 560 8,42 %
Bunkeraggi 247,5 3,72 %
Variazione scorte:gasolio riscaldamento 27 0,41 %
Consumi olio combustibile termoelettrica 209 3,14 %
Consumi e perdite di raffineria 440 6,62 %
Consumi (di raffineria) per produzione energia 445 6,69 %


fonte:unione petrolifera

sabato 24 maggio 2008

Andreotti Golpe e P2

Nel Golpe Borghese (tentativo di colpo di Stato avvenuto in Italia nella notte tra il 7 e l'8 dicembre 1970) erano coinvolte alcune delle più grandi organizzazioni criminali del periodo, come mafia e P2, ma anche vertici militari e servizi segreti, uno scenario ben diverso da quei quattro sessantenni nostalgici di cui parla la sentenza finale di assoluzione.
Ma perché allora, nel 1974, prima di consegnarlo alla magistratura, dal dossier di Labruna (agente del SID, tessera P2 1613) furono tolte delle parti così importanti?
Un giornalista della trasmissione “la storia siamo noi” lo chiese a chi trasmise materialmente quel dossier ai giudici, l'allora ministro della difesa Giulio Andreotti.
Il giornalista chiese ad Andreotti: perché censurò il dossier dei servizi sul golpe Borghese prima di passarlo alla magistratura?
Andreotti rispose che c'erano delle cose che non erano fondamentali dal punto di vista penale ma la cui pubblicità poteva essere nociva sotto altri aspetti.
È un vero peccato che fra quelle pagine censurate vi fossero nomi interessanti tipo Torrisi, che sarebbe diventato capo di stato maggiore della difesa, Marchesi e lo stesso Gelli, tutta gente che poi si scoprì essere piduista.

venerdì 23 maggio 2008

Chiaiano

Possiamo pure togliere i colori della festa, non è un bel periodo.

Attentato a centrale nucleare svedese

torri di refrigerazioneDa un' ANSA del 21 maggio 2008: " Due svedesi sono stati arrestati perché sospettati di aver preparato atti di sabotaggio in una centrale nucleare del sud del paese."
Uno dei problemi delle centrali nucleari è un eventuale attacco terroristico, se una persona riesce ad entrare con dell'esplosivo e riesce a metterlo nel punto giusto il gioco è fatto.
Per eliminare questo “inconveniente” la centrale deve munirsi di un efficace sistema di sicurezza che ne fa aumentare i costi d'esercizio e di conseguenza il costo dell'energia prodotta.
Lo stesso problema si può traslare ai depositi di scorie radioattive con le stesse conseguenze in fatto di costi aggiuntivi per la sicurezza che andrebbero a ricadere sullo Stato per migliaia di anni, in questo modo gran parte dei costi andrebbe a ricadere sulle generazioni future.
La chiusura al pubblico di questi siti non ne diminuisce la pericolosità, la trasparenza nella gestione è fondamentale per fugare ogni dubbio, altrimenti potrebbero nascere sommosse popolari che metterebbero a repentaglio la sicurezza del sito stesso.
Da qui a mille anni potrebbe succedere di tutto, pensateci.

Fusione fredda in Italia

Gli esperimenti di fusione fredda in Italia davano risultati positivi già nel 2002.
Nel sito del Centro Ricerche di Frascati (ENEA) si legge:
“La presenza, verificata sperimentalmente, di 4He rappresenta la prova definitiva della natura nucleare del processo.
I risultati (positivi) delle attività relative al progetto “Nuova Energia da Idrogeno” , svolte nell’ambito dell’Unità Tecnico Scientifica FUSIONE, sono stati raccolti nel rapporto tecnico ENEA RT2002/41/FUS.
Per l’anno 2003 non sono stati assegnati finanziamenti ulteriori per cui non sono previsti ulteriori sviluppi.”

Nel 2005 il Professore Emilio Del Giudice dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Milano dice:
"Si può ritenere assodato che il fenomeno fisico della Fusione Fredda che avviene in celle elettrolitiche adoperando il metodo di Fleischmann e Pons o varianti come quelle suggerite da Giuliano Preparata e come replicata dal nostro gruppo all’ENEA di Frascati, esiste, è provato e nelle sue linee essenziali è conforme a quella che è la predizione teorica. Quello che non è ancora risolto pienamente è il problema della captazione dell’energia prodotta da utilizzarsi per usi pratici, cioè l’ingegnerizzazione."

Inoltre c'è un'inchiesta di RaiNews24 molto esaustiva e che mette in luce l'affossamento della ricerca in italiana in questo settore:

Il Rapporto 41

Il Rapporto 41

La fusione fredda c'è anche da noi, c'è ma non si vede come altre cose.

giovedì 22 maggio 2008

Nucleare, la fusione fredda funziona

La fusione fredda c'è anche da noi, guardate qui.

Quest'articolo è scritto troppo bene per essere riassunto ed è forse la prima volta che un giornale importante ammette chiaramente che la fusione a freddo funziona:
Ce l'hanno fatta: il primo esperimento pubblico di Yoshiki Arata di Condensed Matter Nuclear Science, meglio nota come fusione fredda è stato un successo. Poche ore fa all'Università di Osaka è stata dimostrata, di fronte a un pubblico qualificato, la realizzazione di quello che viene definito ormai "Arata Phenomena".Continua ...

Il nucleare di Scajola

"Entro questa legislatura porremo la prima pietra per la costruzione nel nostro paese di un gruppo di centrali nucleari di nuova generazione". Lo ha detto il ministro dello Sviluppo Economico, Claudio Scajola, intervenendo all'assemblea di Confindustria.[Rebubblica]
Il cerchio si chiude, grazie al Dpcm entrato in vigore il 1º maggio con il governo Prodi, dove il segreto di Stato potrà essere applicato anche ad “impianti civili per produzione di energia”, Silvio e i suoi lacchè potranno costruire le loro centrali nucleari e non avranno più problemi nel sotterrare le scorie prodotte.
Poco importa se la nazione dovrà accollarsi le spese di smaltimento e dismissione, o se le nostre acque contaminate da plutonio, in forma di nanocluster, saranno impossibili da bonificare, l'importante è che le nostre aziende abbiano energia a basso costo.
Anche il Basso costo è una leggenda, lo stesso Rubbia aveva detto ad Annozero che il nucleare è una fonte energetica troppo costosa e che diventa conveniente solo con gli aiuti statali.
Intanto stanno buttando nel cesso il nostro referendum e anche qualcosa di più importante: la nostra salute.

Canale Zero New!

NEW!!! - FORMAT TV ULTIMI AGGIORNAMENTI

Il progetto va avanti. Le difficoltà ci sono, i nemici non mancano, ma grazie al vostro sostegno l'idea lanciata a marzo per la realizzazione di un format di informazione libera sostenuto e partecipato dal basso si sta concretizzando. Questo perché risponde a un'esigenza largamente condivisa, quella della creazione di uno strumento per una comunicazione democratica e rappresentativa della realtà, che sappia proporre ai cittadini un'agenda mediatica non condizionata dai partiti politici o da logiche commerciali.
Ad oggi sono state organizzate riunioni in diverse città italiane, nelle quali sono già operativi gruppi locali di sostegno e promozione dell'iniziativa. Proseguono anche i lavori per la definizione del format e del soggetto giuridico che lo produrrà. Per aggiornarvi sullo stato dei lavori pubblichiamo:

- Un documento di presentazione del progetto e di aggiornamento sullo stato dei lavori
- La lista dei gruppi locali attivi con relativi contatti
- L'appello per una informazione libera
- Canale Zero, quale Format? Il dibattito e le opinioni dei lettori

Aderite al progetto scrivendo una mail con nome, cognome, città, mail e telefono a organizzazionemegachip@gmail.com
Per costituire un gruppo locale, mettersi in contatto con quelli già esistenti e per qualsiasi altra informazione scrivete a francescodecarlo@tiscali.it


(A breve, non appena individuato il nome definitivo del format, realizzeremo un sito web dedicato, con nuove caselle di posta elettronica e un form per la raccolta adesioni)

mercoledì 21 maggio 2008

Io sono Berlusconi Dio tuo

BerlusconiI siti, le aree e gli impianti connessi all'attività di gestione dei rifiuti vengono dichiarati aree di interesse strategico nazionale, presidiate dalle forze armate per garantire l'assoluta protezione dei siti. tradotto: la zona verrà militarizzata.
Guido Bertolaso,"potrà nominare immediatamente commissari ad acta che si sostituiranno alle amministrazioni comunali". tradotto:non ci frega niente dei vostri rappresentati democraticamente eletti.
"Non saranno accettate azioni di parte di minoranze che possono bloccare aeroporti, ferrovie, discariche: in questi casi lo Stato deve intervenire usando la sua forza", ha detto Berlusconi. Chiunque si renderà promotore di disordine contro la realizzazione di discariche in Campania rischia fino a 5 anni di carcere. tradotto: chiunque protesti sarà arrestato in barba al diritto di manifestare il proprio dissenso.
Saranno quattro i termovalorizzatori in Campania. Sono impianti "sicuri" e quindi non bisogna averne paura.tradotto: se io dico che sono sicuri... sono sicuri e basta.

Ci manca solo che ci vietino di scrivere cosa succede in Campania e il gioco è fatto!


Fonte:ANSA

I nanotubi come l'amianto

nanotuboI nanotubi, soprattutto nella forma allungata, potrebbero provocare tumori come le fibre d'amianto. Lo afferma uno studio, condotto presso le Università di Edinburgo e di Aberdeen, effettuato sui topi di laboratorio.[Le Scienze]
Il diametro di un nanotubo è compreso tra un minimo di 0,7nm e un massimo di 10nm con un rapporto tra lunghezza e diametro di circa 10000 volte, grazie a queste caratteristiche hanno delle peculiarità tecnologiche molto interessanti.
Non è la prima volta che si sente parlare della pericolosità dovute all'inalazione di elementi dalle dimensioni così piccole, le nanotecnologie portano grandi sviluppi tecnologici e progresso ma, inevitabilmente, il progresso provoca enormi problemi per la salute pubblica.
Siamo disposti a rinunciare ai nuovi prodotti tecnologici per guadagnarci in salute o faremo come al solito: ci tapperemo orecchie e occhi sperando che non capiti a noi?

martedì 20 maggio 2008

In Iraq le riserve petrolifere più grandi al mondo

puzzleSi è scoperto che l'Iraq possiede le riserve petrolifere più grandi al mondo, 350 miliardi di barili, il triplo di quelle accertate finora e superiori ai 264 miliardi di barili presenti nella penisola arabica.
Lo ha riferito al Times il vicepremier iracheno Barham Salih, che ha aggiunto "E' in atto un dibattito nel governo e tra i leader politici sul tipo di struttura di gestione che dovremmo avere, io sono favorevole alla liberalizzazione del settore e a consentire l'ingresso dei privati per sviluppare queste enormi risorse".
Manco a dirlo, BP, Exxon Mobil, Chevron, Royal Dutch Shell e Total stanno già tentando di accaparrarsi i diritti di sfruttamento.
Un altro tassello si aggiunge al puzzle che descrive i sospetti sulla missione USA in Iraq, dopo la confessione del presidente Bush sull'errore dei servizi segreti per quanto riguarda le armi di distruzione di massa, ecco arrivare un'altra conferma del perché l'amministrazione dei petrolieri abbia spinto per esportare la democrazia nell'ex Mesopotamia.

lunedì 19 maggio 2008

Martin Schulz

Martin Schulz , il capogruppo del Pse a Strasburgo, è riuscito ad ottenere un dibattito straordinario sulla situazione dei Rom in Italia e nell'Ue.
Il signor Schulz è quel parlamentare europeo a cui Berlusconi ha dato del kapò con la frase: "Signor Schulz, so che in Italia c'è un produttore che sta montando un film sui campi di concentramento nazisti: la suggerirò per il ruolo di kapò. Lei è perfetto!".
La televisione italiana aveva fatto vedere solo una parte di quello scontro, il resto era meglio non guardarlo, c'era tutto il parlamento indignato per le parole del nostro Presidente del Consiglio.
Questa è la parte che non ci hanno fatto vedere:

Speculazioni alimentari

frumentoCrescono i prezzi degli alimenti e gli abitanti dei paesi poveri muoiono di fame, secondo la FAO 37 paesi in via di sviluppo hanno urgente bisogno di cibo, l'aumento dei prezzi e imputabile a due fattori: aumento della domanda, aumento dei prezzi di petrolio e fertilizzanti.
L'aumento della domanda è stato causato in parte dai biocarburanti ma soprattutto dall'aumentata richiesta di carne, specialmente in India e Cina, perché la produzione di una libbra di carne in uno stabilimento industriale richiede 7 libbre di grano.
Un'altra causa dell'aumento sono le speculazioni delle aziende legate agli alimenti:
Monsanto (biotecnologie agricole), i suoi incassi sono aumentati da $ 1,44 miliardi a $ 2,22 miliardi.
Mosaic Company (fertilizzanti), da $ 42,2 milioni a $ 520,8 milioni.
Cargill (granaglie), da $ 553 milioni a $ 1,03 miliardi in tre mesi.
Archer Daniels Midland (granaglie), da $ 363 milioni a $ 517 milioni in tre mesi.
la Shell e la BP (petrolio), insieme hanno registrato profitti per 14 miliardi di sterline nei primi tre mesi dell'anno grazie alla crescita dei prezzi del petrolio.
Sommosse per il cibo stanno scoppiando in tutto il globo, dal Bangladesh al Burkina Faso, dalla Cina al Camerun e dall’Uzbekistan agli Emirati Arabi Uniti; tutta gente che, prima o poi, verrà a chiederci aiuto e che noi rimanderemo a casa come clandestini o useremo come servi.

fonte:comedonchisciotte.org

domenica 18 maggio 2008

Il Papa contro la Costituzione

San Pietro
''Il coraggio di affrontare le sfide del mondo, come materialismo, relativismo e laicismo, senza cedere a compromessi e disposti a pagare di persona".[Repubblica]
Queste sono le parole di papa Benedetto XVI arrivato ieri a Savona alle 17 circa, è sceso da un elicottero bianco dell'Aeronautica militare.
Parole ormai note e ripetitive che, in teoria, dovrebbero scatenare uno scontro diplomatico tra lo Stato italiano e il Vaticano, invece niente, non una parola.
Le parole del santo padre sono un attacco alla costituzione italiana, Come sottolineato dall'art. 4 della sentenza n.203 della Corte Costituzionale, per la Costituzione Italiana la laicità è un "principio supremo dello Stato", che si struttura negli artt. 7, 8 e 20; "il principio di laicità, quale emerge dagli artt. 2, 3, 7, 8, 19 e 20 della Costituzione, implica non indifferenza dello Stato dinanzi alle religioni, ma garanzia dello Stato per la salvaguardia della libertà di religione, in regime di pluralismo confessionale e culturale."
Se il nostro Stato non fosse laico non potrebbe garantire la libertà di religione che è uno dei principi base della democrazia, la libertà di una persona sta alla base delle leggi che sono state promulgate nella nostra nazione.
Potrebbe sembrare paradossale ma colui che ogni giorno ci delizia con le sue parole portatrici di pace, sta di fatto incitando i suoi fedeli ad attaccare la nostra costituzione, in Italia questo è un reato.
Per l'ennesima volta non ci sarà nessuna protesta, il Vaticano è uno dei poteri forti in questo paese, il potere porta voti che a loro volta portano potere e noi ne subiamo le conseguenze.

sabato 17 maggio 2008

Operai II

Anno 2007

Morti sul lavoro
1.260

fonte:adnkronos.com

Le brutte parentesi su Saviano

Le più brutte parentesi del giornalismo nostrano, perlomeno di questo periodo, sono quelle scritte da Annalena Benini su il Foglio a proposito di Roberto Saviano e il suo ultimo libro.
Nel tentativo di scrivere un pezzo graffiante la nostra giornalista è sprofondata nel ridicolo ponendo fra parentesi affermazioni che, per essere gentili, si possono definire quantomeno squallide:
annalena
Forse è vero che Saviano in questo momento può apparire divinizzato dai media, ma fare battute sulle minacce ricevute è proprio di cattivo gusto.

Articolo completo

venerdì 16 maggio 2008

La moglie di Giorgetti

bossi giorgettiGiancarlo Giorgetti (primo da sinistra) ad un incontro del Movimento Giovani Padani con lui Umberto Bossi e Rosi Mauro.

Laura Ferrari Giorgetti, moglie del parlamentare leghista Giancarlo Giorgetti, ha patteggiato davanti al Gup del tribunale di Busto Arsizio, Chiara Venturi, due mesi e 10 giorni di reclusione per truffa a enti pubblici.[Corriere]
La signora ha "gonfiato" il numero dei suoi allievi per ottenere 400 mila euro di finanziamenti pubblici.
Adesso che l'onorevole Giorgetti ha scoperto di avere una discepola della "Roma ladrona" in casa cosa farà? Probabilmente niente, tanto i suoi elettori sono occupati a fare le ronde e non hanno tempo di guardare i panni sporchi della Lega.

Flash Player 10 beta

flashplayerAdobe Flash (in precedenza Macromedia Flash e ancora prima FutureSplash) è un software per uso prevalentemente grafico che consente di creare animazioni vettoriali principalmente per il web.
Adobe ha rilasciato Flash Player 10 beta, scaricabile per Windows, Macintosh e Linux.

Le novità di questa versione riportate da Adobe Labs sono:

  • Creative Expression

    • Custom Filters and Effects

    • 3D Effects

    • New Text Engine

    • Text Layout Components

    • Drawing API Enhancements

    • Color Management

  • Visual Performance Improvements

    • GPU Compositing

    • GPU Blitting

    • Anti-Aliasing Engine (Saffron 3.1)

    • Vector Data Type

  • Rich Media

    • Dynamic Streaming

    • RTMFP (Real Time Media Flow Protocol)

    • Speex Audio Codec

  • Other Community Requested Enhancements

    • File Reference

    • Dynamic Sound Generation

    • Large Bitmap Support

    • Context Menu

    • GB18030 Compliance

    • Ubuntu OS Support

Tante belle cose, ma nel vecchio pc usato per testarlo si è notato un notevole alleggerimento del carico sulla cpu, circa il 30% in meno, rispetto alla versione precedente.

Caratteristiche del vecchio pc:

Processore AMD Athlon xp 2500+ 1800 MHz, 512 MB di RAM, nVidia GeForce 6200 con 256MB di memoria, sistema Linux 2.6.24-16 con distribuzione Kubuntu 8.04 e Firefox 3.0 beta 5.

giovedì 15 maggio 2008

Guerra in Iran

È possibile che la guerra in Iran sia alle porte, ci sono segni molto plausibili che ciò possa avverarsi:

1-Philip Giraldi, ex funzionario della Cia, riferisce di una riunione del Consiglio della Sicurezza Nazionale che ha approvato i piani di attacco con missili Cruise contro una base Al Qods (la Guardia Rivoluzionaria Iraniana) ove verrebbero addestrati i militanti iracheni impegnati nella guerriglia contro le truppe d’occupazione.
2-Una seconda portaerei con cacciatorpediniere e navi d’appoggio ha raggiunto a fine aprile l’imponente schieramento aereo navale statunitense nel Golfo Persico.
3-Nonostante le smentite dei servizi segreti il Vice Presidente Cheney e il Segretario di Stato Rice hanno continuato a denunziare insieme ai governanti israeliani la potenziale minaccia nucleare di Tehran.
4-Sia Hillary Clinton che Barak Obama hanno già affermato che contro l’Iran “ogni opzione è valida”, per non parlare del repubblicano John McCain.
5- Una grande guerra mediorientale renderebbe certa la vittoria già a novembre, aiuterebbe gli Stati Uniti a superare la più grave crisi economica dopo quella degli anni trenta e realizzerebbe il dissennato disegno dei neocons per l’interruzione dei flussi energetici mediorientali verso Cina, India ed Europa.

Naturalmente la nostra stampa evita di scrivere queste cose, ci fanno guardare da un'altra parte senza disturbare il nostro microcosmo fatto di rom, veltrusconismo e caro benzina.

Fonte:fisicamente.net

Giulio Andreotti a Genova

In un paese libero si può volantinare ed informare le persone, ma in Italia non si può fare, non si può dire alla gente che:
Giulio Andreotti ha commesso fino alla primavera del 1980 il reato di associazione per delinquere con Cosa Nostra (reato prescritto ma commesso)
Ecco alcune scene di "tentata informazione" a Genova:

mercoledì 14 maggio 2008

Bush in Israele

Bush: «Niente golf in rispetto delle vittime della guerra», lo decisi nell’agosto del 2003, ha riferito.«Non credo che l’intelligence mi abbia mentito sostenendo che - l'Iraq - possedeva armi di sterminio, si è solo sbagliata».[Corriere]
A quanto pare per il presidente Bush si è trattato solo di un errore, capita a tutti di sterminare intere città per errore, di spendere miliardi di dollari in una guerra per poi toglierli alla sua gente che non ha l'assistenza sanitaria.
Però lui si è pentito, non gioca più a golf per rispetto verso le madri dei soldati caduti a migliaia in una guerra che, con il passare del tempo, aumenta sempre di più la sua puzza di petrolio.
Quel bambino che ha trovato una cluster bomb e l'ha portata dai suoi amichetti per condividere il nuovo giocattolo oggi non corre più, anche i suoi amichetti non corrono più, tutto per un errore dell’intelligence.
Presidente Bush, perché non va a dire alle madri irachene che no gioca più a golf anche per loro?
Magari chissà, per errore ...

La bolletta di Grillo

lampadina
Secondo il Riformista Grillo ha una bolletta enel piuttosto costosa, la sua bolletta di gennaio: 3.301 kWh per 851,33 euro da pagare. In un anno ha consumato 37520 Kwh.
In attesa che Grillo risponda nel suo blog (se lo farà) si può dire che sicuramente razzola male ma la sua bolletta se la paga, quella de il Riformista la paghiamo noi.

martedì 13 maggio 2008

Il plutonio di Prodi

torri di refrigerazioneCon un Dpcm entrato in vigore il 1º maggio (Gazzetta Ufficiale 16 aprile 2008, n.90) il segreto di Stato potrà essere applicato, in nome della tutela della sicurezza nazionale, ad una lunga serie di infrastrutture critiche: non solo gli armamenti o le installazioni militari ma anche, ad esempio, agli “impianti civili per produzione di energia”.
Grazie all'ennesimo colpo di coda del governo Prodi, non si saprà neppure dove verranno stoccate le scorie nucleari perché il segreto di stato coprirà tutto in nome della sicurezza nazionale.
Saremo una nazione sicura, contenti?
Non vedremo più quei noiosi ecoterroristi “no a tutto” che impediscono il progresso del nostro pese, che bloccano le ferrovie e le autostrade, saremo liberi di progredire.
Ora Silvio e i suoi lacchè non avranno più problemi nel sotterrare i nostri veleni, poco male se qualcuno soccomberà per dispersioni di plutonio, l'importante è la sicurezza nazionale.
Ma la sicurezza di una nazione è proporzionale al numero di morti o all'incremento del pil?
Fonte: Il Sole 24 Ore

Facci chi?

Poi ci sono quelli, stupidi o in malafede, che dicono: però le cose che Travaglio ha detto su Schifani sono vere.
E invece sono irrilevanti, pretestuose e nondimeno, per come presentate, false.
Sono irrilevanti perché stiamo parlando di persone che Renato Schifani ha frequentato 30 anni fa (nel 1979) e che solo 18 anni dopo sono state riconosciute come mafiosi: basti che gli dei di Travaglio, i magistrati, non hanno mai interrogato né accusato Schifani per questa faccenda. Inoltre il libro piuttosto vecchiotto da cui Travaglio ha copiato le sue accuse, diversamente da come indegnamente fatto da Fabio Fazio, riporta la questione in maniera corretta: tanto che Schifani il libro non l’ha mai querelato.
[di Filippo Facci in macchianera]

Notare come l'autore ritenga che la notizia sia falsa anche se vera!


(nota per i "puristi" che non passeranno mai di qui: il commento sopra è contorto apposta)

lunedì 12 maggio 2008

Strage in Italia

Sono morte 16 persone e 912 sono rimaste ferite di cui molte in maniera grave.
Questa è la notizia con cui si potrebbe aprire un telegiornale per 365 giorni all'anno.
Nel 2006 sono stati rilevati 238.124 incidenti stradali che hanno causato 5.669 morti e 332.955 feriti di diversa gravità.[instat]
Continuiamo a preoccuparci di rimanere uccisi per mano di uno sconosciuto e non pensiamo mai che la cosa che ci ammazza di più è il nostro tenore di vita.
Troverete pochissimi politici (di conseguenza giornalisti) disposti a parlarne, sanno benissimo che non possono avere una valanga di voti se in campagna elettorale parlano di certe cose.
Voi dovete lavorare e consumare, non dovete preoccuparvi dei danni che state causando a voi stessi e agli altri, crescete e moltiplicatevi così da avere ricambi di vite per il benessere della collettività.

domenica 11 maggio 2008

Querelare a prescindere

Querelare a prescindere, è questo il metodo adottato dai nostri politici quando vengono attaccati in televisione, sui libri si può scrivere di tutto ma non si può amplificare il proprio pensiero nello strumento mediatico più potente di tutti.
È chiaro che i libri vengono letti da poche persone e che dunque danno poco fastidio, è solamente una questione di numeri, i telespettatori sono voti che devono essere incamerati per le prossime elezioni, noi siamo solo voti.
L'ultimo caso è avvenuto ieri nella trasmissione “Che tempo che fa” dove Marco Travaglio ha riportato un fatto scritto nel suo libro e in quello di Lirio Abbate, giornalista dell'Ansa minacciato dalla mafia e cioè che Schifani aveva avuto rapporti con persone poi condannate per mafia.
La minaccia di querela non si è fatta attendere, Maurizio Gasparri ha prontamente proferito verbo:«Ancora una volta il cosiddetto servizio pubblico della Rai viene messo a disposizione, senza contraddittorio, dalla condotta diffamatoria di Travaglio. Le offese al presidente Schifani troveranno la giusta risposta nelle sedi giudiziarie ».
Il termine “contraddittorio” è il più ricorrente nelle minacce di querela, lo si brandisce come un'arma contro chi si batte per una libera informazione approfittando dell'ignoranza persone che si bevono tutto e non sanno che i fatti non possono essere contraddetti.

sabato 10 maggio 2008

Operai I

Brano tratto da "Cattedrale" di Saverio Fattori, pubblicato su www.carmillaonline.com

Le catene di assemblaggio sono piene di femmine, sembrano più dotate per eseguire lavori ripetitivi e non mettono mai in discussione le leadership, nessuna guerra al potere, piccole battaglie tra pari livello per le bucce di patate. Molte donne non sono sopravvissute al parto e conducono esistenze terrificanti. Sui quotidiani cercano immediatamente la pagina dell’oroscopo, ho visto circolare un settimanale pocket dedicato esclusivamente all’astrologia. Sembrano fuori gioco su tutto ciò che non è tangibile, riferibile a esigenze pratiche. Refrattarie a ogni impeto trasgressivo. Incapaci di sognare, hanno ammazzato a martellate tutti i grilli che nella testa dovevano pur avere avuto. Almeno nei primi anni della loro esistenza. Sembrano vomitate sul pianeta il giorno stesso, non hanno memoria storica, visione tridimensionale. Sulla competitività lavorativa sono spietate. Le mansioni sono elementari e nulla lasciano a creatività e iniziativa individuale, eppure riescono a ricavare un’ implacabile meritocrazia che nemmeno la dirigenza pretende esplicitamente. Sono efficienti in quanto attente ai dettagli, dotate di grande precisione e pragmaticità. Devono sempre dimostrare di essere migliore della collega che lavora accanto e che secondo la rotazione fa le stesse mansioni dettate dell’Instruction Plan nel medesimo tempo. Potrebbe apparire impresa impossibile. Un meccanismo inchiodato da secoli si è fatto patrimonio genetico e le induce a essere seducenti verso il potere, e sedotte dal potere stesso. Il potere è sempre e comunque maschio.

Gli operai maschi non hanno malizie di questo tipo, sono più dispersivi, lavorano per la busta paga, si dedicano alla cura dell’auto e ad altre inutili necessità quali le coppe europee di calcio e la formula uno. I più svegli frequentano le fiere dell’elettronica.
Maschi e femmine in Cattedrale vivono astrazioni, si accontentano di pezzi di vetro colorato. È sempre la non-coscienza a salvarli dalla depressione e dalla follia. Un delicato istinto di conservazione li sigilla e li rende impermeabili a dubbi e domande profonde, all’idea del suicidio. Non diventano pericolosi per sé e per gli altri, nessuno ha ancora acquistato un AK 47 su internet. Forse perché non si fidano ad usare la carta di credito per gli acquisti in rete. Forse perché non hanno accesso alle fiere delle armi da fuoco.
Nessuno è ancora entrato in mensa facendo fuoco all’impazzata.

venerdì 9 maggio 2008

Aldo e Peppino

Aldo Moro è stato un politico italiano, cinque volte Presidente del Consiglio dei ministri e presidente del partito della Democrazia Cristiana.
Venne rapito il 16 marzo 1978 ed ucciso il 9 maggio successivo da appartenenti al gruppo terrorista delle Brigate Rosse.
La vicenda del suo rapimento è, ancora oggi, piena di ombre che vengono raccontate di rado quando si commemora la sua scomparsa.
Nello stesso giorno venne assassinato Peppino Impastato con una carica di tritolo posta sotto il corpo adagiato sui binari della ferrovia.
Peppino Impastato nel 1976 fonda Radio Aut, radio libera autofinanziata, con cui denuncia i delitti e gli affari dei mafiosi di Cinisi e Terrasini, capeggiati da Gaetano Badalamenti, che avevano un ruolo di primo piano nei traffici internazionali di droga.
Nel 1978 si candida alle elezioni comunali nella lista di Democrazia Proletaria e viene assassinato nel corso della campagna elettorale.[wikipedia]
Per molte persone Impastato è diventato il simbolo della lotta alla mafia, dell'impegno civile e giornalistico contro la criminalità.
Quando avremo finito di indignarci per i giovani che perdono la memoria storica sulla vicenda Moro, proviamo ad indignarci anche per aver perso la memoria storica di Impastato.
Forse non esistono memorie di serie A e di serie B, ma sicuramente esistono memorie di destra e di sinistra e tutto ciò è molto triste.

Dal film "I cento passi" che racconta la storia di Peppino Impastato:

mercoledì 7 maggio 2008

Governo Berlusconi 2008

Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi: 2 amnistie (falsa testimonianza P2 e falso in bilancio Macherio); 2 assoluzioni per depenalizzazione del reato da parte dello stesso imputato (falsi in bilancio All Iberian, Sme-Ariosto)

Interno Roberto Maroni: condannato definitivamente a 4 mesi e 20 giorni per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale durante la perquisizione della polizia nella sede di via Bellerio a Milano.

Esteri Franco Frattini: quello che voleva censurare la rete con la scusa dei terroristi

Giustizia Angelino Alfano: troppo giovane per il governo, se lo mangiano.

Difesa Ignazio La Russa: no comment

Economia Giulio Tremonti: la sua economia creativa stava mandando l'Italia sul lastrico

Sviluppo economico Claudio Scajola: quello che aveva detto di sparare al G8 di Genova

Politiche agricole Luca Zaia: il vicepresidente del Veneto multato perché viaggiava a 200km/h

Ambiente Stefania Prestigiacomo: qui inizia la sfilata di modelle

Infrastrutture Altero Matteoli: il ministro dell'ambiente che voleva più termovalorizzatori

Lavoro e Salute Maurizio Sacconi: uno che vede i comunisti ovunque.

Beni culturali Sandro Bondi: "Per capire il provincialismo bilioso di certa stampa italiana basta leggere il commento di Enzo Biagi pubblicato oggi sulla rivista Sette sul viaggio negli Usa del nostro Presidente del Consiglio. In più nel caso di Biagi c'è un'odiosa incapacità di comprendere tutto ciò che di grande, di nobile, di lungimirante, di politicamente importante e di umano, si di umano c'è nelle azioni di Silvio Berlusconi anche e soprattutto in politica estera. E' un peccato disperdere quella saggia serenità di giudizio che dovrebbe essere propria di chi ha una lunga esperienza" (Sandro Bondi, Forza Italia, Ansa, 31 luglio 2003).

Istruzione, Università e Ricerca Mariastella Gelmini: ha detto:«FI è la mia sola trasgressione»

Senza portafoglio

Rapporti con il Parlamento Elio Vito

Federalismo Umberto Bossi: condannato in via definitiva a 8 mesi di reclusione per 200 milioni di finanziamento illecito dalla maxitangente Enimont.

Semplificazione Roberto Calderoli: semplicemente pig-sitter

Rapporti con le Regioni Raffaele Fitto: quello spezzato da Vendola

Pari opportunità Mara Carfagna: continuano le sfilate

Politiche Ue Andrea Ronchi: no comment

Funzione pubblica Renato Brunetta: ex ex PSI e nuovamente ex passano i tempi ma lui rimane

Attuazione del programma Gianfranco Rotondi: un'altro che vede comunisti dappertutto

Politiche giovanili Giorgia Meloni: e qui finisce la sfilata, anche se questa tende ad alzare il braccio.

Italia: 10 omicidi per milione di abitanti

L'Italia e' uno dei Paesi più sicuri d'Europa, con i suoi 10,3 omicidi per milione di abitanti si colloca al di sotto della media europea (14 omicidi per milione di abitanti).
La maggior parte dei delitti si registra nelle regioni del Mezzogiorno, soprattutto in Campania, Puglia, Calabria, Sicilia, Sardegna.[Rainews24]
Grazie all'informazione dei media la criminalità preoccupa più della metà degli italiani, meglio occuparsi di un omicidio invece di denunciare fatti gravi che portano alla morte di molte più persone.
L' uccisione di un bambino è il delitto preferito dai media, farne un pezzo costa poco, magari chiedi ai genitori in lacrime se sono tristi o domandi al vicino se ha visto extracomunitari in giro, non ci sono indagini approfondite da fare e la tenerezza del bambino garantisce gli ascolti.
I politici sono la categoria che da questa situazione vergognosa trae più profitto, la gente si preoccupa davanti alla tv e non pensa alle loro vicissitudini giudiziarie.
Guardate questo video e preoccupatevi ancora:

martedì 6 maggio 2008

Ladri di marmellate in Parlamento

Fonte:Se li conosci li eviti e www.beppegrillo.it
(aggiornato a maggio 2008)

1 Berruti Massimo Maria (FI): condannato in via definitiva a 8 mesi per favoreggiamento.
2 Bonsignore Vito (europarlamentare FI): condannato definitivamente a 2 anni per tentata concussione nello scandalo delle tangenti per il nuovo ospedale di Asti.
3 Mario Borghezio (europarlamentare Lega Nord): condannato in via definitiva per incendio aggravato da "finalità di discriminazione", per aver dato fuoco ai pagliericci di alcuni immigrati che dormivano sotto un ponte di Torino, a 2 mesi e 20 giorni di reclusione commutati in 3.040 euro di multa.
4 Bossi Umberto (Lega Nord): condannato in via definitiva a 8 mesi di reclusione per 200 milioni di finanziamento illecito dalla maxitangente Enimont.
5 Cantoni Giampiero (FI): ha patteggiato 2 anni di reclusione per corruzione e concorso in bancarotta e risarcito 800 milioni di lire.
6 Carra Enzo (PD): una condanna in via definitiva per false dichiarazioni al pubblico ministero. Per i giudici, Carra è un falso testimone che, con il suo «comportamento omertoso» e la sua «grave condotta antigiuridica», ha tentato di «assicurare l’impunità a colpevoli di corruzione, falso in bilancio e finanziamento illecito» nel caso Enimont. Parola del Tribunale e della Corte d’Appello di Milano, nonché della Cassazione, che l’hanno condannato prima a 2 anni e poi a 1 anno e 4 mesi (grazie allo sconto del rito abbreviato) di carcere.
7 Ciarrapico Giuseppe (PDL): è stato condannato a 3 anni definitivi per il crack da 70 miliardi della Casina Valadier (ricettazione fallimentare) e ad altri 4 e mezzo per il crack Ambrosiano (bancarotta fraudolenta).
8 De Angelis Marcello (AN): condannato in via definitiva a 5 anni di carcere per banda armata e associazione sovversiva come dirigente e portavoce del gruppo neofascista Terza Posizione.
9 Dell’Utri Marcello (FI): condannato definitivamente a Torino a 2 anni e 3 mesi per false fatture e frodi fiscali nella gestione di Publitalia (reato per cui fu arrestato per 18 giorni nel maggio 1995 e poi patteggiò la pena in Cassazione).
10 Farina Renato (FI): Farina patteggia una pena di 6 mesi di reclusione per favoreggiamento nel sequestro di Abu Omar, l’imam egiziano rifugiato in Italia, sequestrato a Milano il 17 febbraio 2003 dalla Cia con l’aiuto del Sismi, trasportato nella base americana di Aviano e di lì deportato in Egitto, dove fu torturato per sette mesi.
11 La Malfa Giorgio (FI): condannato definitivamente a 6 mesi per il finanziamento illecito della maxitangente Enimont.
12 Maroni Roberto (Lega Nord): condannato definitivamente a 4 mesi e 20 giorni per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale durante la perquisizione della polizia nella sede di via Bellerio a Milano.
13 Nania Domenico (AN): arrestato per 10 giorni e poi condannato in via definitiva a 7 mesi per lesioni personali legate ad attività violente nei gruppi giovanili di estrema destra (fatti dell’ottobre ’69, sentenza emessa nel 1977 e divenuta definitiva nel 1980).
14 Naro Giuseppe (UDC): condannato in primo grado a 3 anni e in Cassazione a 6 mesi definitivi di reclusione (erano 3 anni in primo grado) per abuso d’ufficio nel processo per l’acquisto con denaro pubblico di 462 ingrandimenti fotografici, alla modica cifra di 800 milioni di lire.
15 Papania Antonio (PD): il 24 gennaio 2002 ha patteggiato davanti al gip di Palermo una pena di 2 mesi e 20 giorni di reclusione per abuso d’ufficio.
16 Sciascia Salvatore (FI): condannato definitivamente a 2 anni e 6 mesi per aver corrotto alcuni ufficiali e sottufficiali della Guardia di finanza.
17 Tomassini Antonio (FI): medico chirurgo, è stato condannato in via definitiva dalla Cassazione a 3 anni di reclusione per falso.

Quelli che non hanno rubato, ma sono in questa lista, lo stanno facendo adesso perché occupano un posto che dovrebbe spettare a qualcuno meglio di loro.

Le ecoballe di Prodi

(ANSA) - ROMA, 3 MAR - Le ecoballe di rifiuti prodotti dai Cdr campani, che eco non sono e che non rispondono ai requisiti richiesti dalla normativa, potranno essere bruciate nel termovalorizzatore di Acerra. E' quanto stabilito in un'ordinanza firmata dal presidente del Consiglio Romano Prodi, datata 20 febbraio e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale di venerdì.(ANSA)


Su questo colpo di coda del governo Prodi si abbatte l'ombra del provvedimento vergogna CIP 6 *.
I proprietari del termovalorizzatore di Acerra si copriranno d'oro incenerendo quelle balle, lo dicevano anche i camorristi:"la monnezza è oro".




*Il CIP6 è un provvedimento del Comitato Interministeriale Prezzi,con cui sono stabiliti prezzi incentivati per l'energia elettrica prodotta con impianti alimentati da fonti rinnovabili ed "assimilate" (rifiuti, scarti della lavorazione del petrolio, etc) .
I costi di tale incentivo vengono finanziati mediante un sovrapprezzo del 6% del costo dell'energia elettrica, che viene addebitato direttamente ai consumatori finali nel conteggio di tutte le bollette.

lunedì 5 maggio 2008

Gianni Alemanno a former fascist

Westminster palace

Gli attori americani, che l'anno scorso sono accorsi numerosi al festival del cinema di Roma, non saranno più invitati per ordini di Alemanno.
La notizia è riportata dal Times che apre il suo articolo con :

“The new mayor of Rome, Gianni Alemanno, a former fascist,”
“Il nuovo sindaco di Roma, Gianni Alemanno, un ex fascista,”


Già da questa frase si nota la diversità di “stile” rispetto ai giornali nostrani, è quasi impensabile che questi ultimi diano dell'ex fascista a un ex fascista, comunque l'articolo continua rincarando la dose:

“Outside city hall, his followers greeted him with fascist salutes and shouts of “Duce! Duce!””
“Fuori dal municipio, i suoi seguaci lo accolgono con i saluti fascisti e le grida "Duce! Duce!"”


“Alemanno, a former minister of agriculture, has a colourful past. He was arrested in 1981 with four other neo-fascists for allegedly beating up a student with baseball bats,”

“Alemanno, un ex ministro dell'agricoltura, ha un passato “vivace”. È stato arrestato nel 1981 con altri quattro neo-fascisti per un presunto pestaggio di uno studente con una mazza da baseball”


Il tono di tutto l'artico è nello stile “noi siamo democratici voi siete la repubblica delle banane”, la storia si ripete, stanno aspettando che l'ex piduista ricominci a fare le corna per poter ridere di noi italiani pizza e mandolino ... ma anche manganello.

domenica 4 maggio 2008

Gabriel Naudé

Bisogna che i principi o i loro ministri si impegnino a manipolare e persuadere [il pubblico] con belle parole, a sedurlo e ingannarlo con le apparenze, a conquistarlo e portarlo dalla propria parte con i predicatori e i miracoli [...] o per mezzo di buone penne, facendo scriver loro libretti clandestini, manifesti, apologie e dichiarazioni appositamente composte per menarli per il naso e far loro credere a occhi chiusi a tutto quanto è scritto [...]
Gabriel Naudé (1600-1653)

Sono passati 3 secoli e mezzo ma non è cambiato niente.

sabato 3 maggio 2008

Profitti

Da uno studio della Banca dei regolamenti internazionali si scopre che nel 1983 il 23,12% del PIL andava ai profitti.
Nel 2005 la quota è salita al 31,34%, ciò vuol dire che i lavoratori hanno visto calare i loro introiti dal 76% al 68% del PIL in 22 anni.[Repubblica]
Per percepire meglio la perdita basta notare che l'8% del PIL di oggi è pari a 120 miliardi di euro, suddivisi per 23 milioni di lavoratori italiani diventano 5 mila 200 euro a persona.
I beneficiari dei profitti sono pochissimi, in Italia il 45% della ricchezza appartiene al 10% delle famiglie, ed è proprio a questa categoria che andrà la maggior parte dei 120 miliardi di euro.
La massimizzazione dei profitti è di fatto alla base dell'economia, poco importa se nella letteratura economica vengano posti altri principi, il lavoratore è solo un costo da far rientrare nei documenti di bilancio.

venerdì 2 maggio 2008

Sbancor

Sbancor è lo pseudonimo usato da un mediattivista e militante anarchico, esperto di economia e finanza, che ha abbandonato questo mondo il mese scorso.
Questo brano è tratto da un suo articolo risalente all'agosto del 2001:
"Warfare against Welfare: la posta in gioco
[...]Il Warfare è un complesso militare industriale e di intelligence ed insieme una politica economica. La possibilità di iniettare liquidità nel sistema mirata direttamente ad investimenti in tecnologia che possono perpetuare la supremazia imperiale. Da un punto di vista economico il warfare è molto più efficace del welfare.[...]
[...]La Palestina è la miccia. Sempre accesa. Chi ha provato a spegnerla ha fatto una brutta fine, come Rabin. Quanto è lunga la miccia e fino a dove può bruciare? La polveriera non è in Medioriente.
Il Medioriente al massimo è la seconda parte della miccia. La polveriera è in un punto imprecisato delle frontiere della cosiddetta area "turanica" (Iran, Afghanistan, Tagikistan, Khirghisistan, Azerbaijan, Uzsbekistan, Pakistan.) Da secoli è il ventre molle della Russia, ma (attenzione) è il ventre molle anche della Cina.Dalle etnie Uigure (turche) si risale verso lo Xin Xiang : il più grande bacino minerario e petrolifero del mondo. Da li si controlla tutta l'Eurasia. Si controllano le "pipe lines" del III° millennio. Da lì passano le vie della droga. Da li passano i mercanti di schiavi che riforniscono le industrie e i commerci di tutto il mondo.[...]
Sbancor - agosto 2001"

giovedì 1 maggio 2008

Antonio Polito

Finanziamento pubblico all’editoria: 667 milioni euro all’anno

Alcuni esempi:

Libero: 86 mila copie vendute al giorno, prende 5 milioni e 371 mila euro all’anno
L’Unità: 60 mila copie vendute al giorno, prende 6 milioni 400 mila euro all’anno
Liberazione:15 mila copie vendute al giorno, prende 3 milioni e 700 mila euro all’anno
Il Foglio: 13 mila copie vendute al giorno, prende 3 milioni e mezzo di euro all’anno
Europa: 5 mila copie vendute al giorno, prende poco più di 3 milioni di euro all’anno
Il Riformista: 2 mila copie vendute al giorno, prende 2 milioni e 179 mila euro all'anno
[Report]

L'argomento è stato trattato più volte da Grillo e altri fascisti-comunisti ma, facendo un rapido calcolo, si arriva a scoprire che questi giornali prendono:

Libero: 0,17 euro a copia.
L’Unità: 0,29 euro a copia.
Liberazione: 0,68 euro a copia.
Il Foglio: 0,74 euro a copia.
Europa: 1,64 euro a copia.
Il Riformista: 3 euro a copia.

Il direttore de il Riformista merita una menzione speciale, il suo nome è Antonio Polito (ex parlamentare PD), sarebbe da aggiungere alla lista ma “purtroppo” non è stato rieletto.