venerdì 23 dicembre 2011

Gino Strada sulle spese militari


(Servizio Pubblico 22 dicembre 2011)

sabato 17 dicembre 2011

Bagnasco, non pronunciare falsa testimonianza contro il tuo prossimo

Bagnasco in un'intervista al Corriere: le tasse non sono un optional. La Chiesa paga l'Ici, attacchi in malafede.

Ecco la prova che alcune case religiose sono veri e propri alberghi. Fanno business, accettano turisti, eppure non pagano l'Ici, perché il proprietario è un ente ecclesiastico.
ilfattoquotidiano.it

giovedì 15 dicembre 2011

Casa Pound: negare la sua appartenenza al movimento

Ieri notte da Roma è stata indirizzata a tutti i responsabili locali di Casa Pound la seguente email: «Comunicazione interna urgente e riservata. Fare quadrato ora significa: negare la sua appartenenza al movimento, cancellare ogni traccia, stare zitti e far parlare solo i dirigenti autorizzati». Troppo tardi.
Saverio Ferrari - Il Manifesto

Via tigella

mercoledì 14 dicembre 2011

Il Minzo, il Menta e la scimmia che fuma

di pugioba

Ultim'ora: pare che Enrico Mentana arriverà presto alla guida del Tg1. Si è appena dimesso dalla guida del Tg di La7, da lui rilanciato a livello di immagine e ascolti in quanto, a suo dire, denunciato dal CDR per comportamento antisindacale. Non staremo qui a ricordare che il Menta è prodotto Berlusconiano d.o.c., visto che con la sua opera al Tg5 ha contribuito innegabilmente ai suoi successi elettorali, così come non staremo qui a dire che pare evidente e chiaramente atteso un miglioramento di quel pozzo nero di notizie senza valore che era diventato (era sempre stato) il Tg1 del Minzo. Siamo però qui ad osservare che al posto del direttore uscente per denuncia, ne arriva un altro che porta sulle spalle, anche lui, lo stesso fardello. Di diverso tipo, certo, ma non saprei dire se meno grave. In ogni caso, per migliorare il Tg1 sarebbe bastato il tizio in foto. Sempre che lo spulciarsi in pubblico non costituisca reato.

martedì 13 dicembre 2011

Il killer di CasaPound

Gianluca Casseri, il fascista che oggi a Firenze ha ucciso due senegalesi e ne ha ferito altri tre, era iscritto alla sezione di Pistoia di CasaPound.
CasaPound Italia precisa che Casseri

era un simpatizzante di CasaPound Italia, come altre centinaia di persone in Toscana, e altre migliaia in tutta Italia, alle quali, come del resto avviene in tutti i movimenti e le associazioni e non solo in Cpi, non siamo soliti chiedere la patente di sanità mentale. Casseri non era un militante della nostra associazione, frequentava talvolta la sede di Pistoia e non abbiamo motivo per tenerlo nascosto

Se non hanno motivo per tenerlo nascosto, possono anche evitare di rimuovere tutti i suoi scritti dal sito www.ideodromocasapound.org
Paura eh?

lunedì 12 dicembre 2011

Dichiarano meno di 20mila euro ma hanno l'aereo

42mila poveri con la super-barca e 518 hanno anche l'aereo. E io dovrei restare calmo.


Fonte: ilsole24ore.com

Bersani e i linciaggi

Bersani intervistato dal Corriere della Sera:

Guardi, ho ricevuto diversi messaggi di parlamentari che sono stati insultati per strada da passanti che avevano letto titoli dei giornali. Ora dico basta. Due volte dico basta: ai privilegi, ma anche ai linciaggi. Di questo passo non so dove arriveremo

Verissimo Segretario: comportamento disdicevole. Però non c'è dubbio su chi debba dare l'esempio:


(Immagine presa da Wil)

La verginità della ragazza incendia i rom

Sulla storia del raid al campo rom dopo che una ragazzina aveva denunciato il falso stupro:

Tutto finto, lo stupro è stato solo una scusa per nascondere un rapporto prima del matrimonio: la famiglia è ossessionata dalla verginità della ragazza, con frequenti visite dal ginecologo. La confessione di Sandra, il nome è di fantasia, arriva poco dopo in caserma: "Nessuno mi ha violentato".

È chiaro che viviamo in società composta anche da persone violente, che prediligono la giustizia fai da te e che temono il giudizio "morale" del prossimo. Conseguenza, probabilmente, anche di una dottrina religiosa malata e difficile da estirpare.
Però io voglio sperare che il ginecologo non sia stato sempre lo stesso; altrimenti, fosse per me, la galera.

venerdì 9 dicembre 2011

Quei no a Monti

C’è un ricatto che non ha mai smesso di andare di moda, dalle parti di una certa “sinistra” salottiera e garbata. E’ quello secondo cui, se non sei di “sinistra” come loro, e al tempo stesso non ti dimostri nemmeno di destra, sei qualunquista.
[...]
Così, in nome del sempiterno menopeggismo, ci troviamo impantanati in un fastidioso cul de sac politico-giornalistico: o sei con Monti, “L‘uomo che sprizza umanità da tutti gli spinotti” (Crozza), e quindi assurgi al rango di responsabile che ama l’Italia; o sei un disfattista, populista e qualunquista. Un demagogo che si meritava Berlusconi e non capisce la drammaticità del presente.

Quanto sopra, tratto dal Blog di Andrea Scanzi, mi serve per lanciare un post di Gilioli:

Sono un estremista perché penso che non si possano chiedere sette anni di lavoro in più alla gente se allo stesso tempo non si tagliano anche le spese militari.
Sono un estremista perché credo che se la Chiesa cattolica italiana ha benefici per cinque o sei miliardi di euro all’anno, forse potrebbe rinunciare a un decimo di quei benefici per il bene comune.
Sono un estremista perché penso che non si possa far finta che in questo Paese l’1% dei cittadini detiene il 13 per cento della ricchezza nazionale – e basterebbe una tassa patrimoniale dello 0,5 per cento per ottenere un gettito di 5 miliardi di euro

Il problema non è solo una "certa sinistra", come fa notare Malvino:

Checché Mario Tarquini starnazzi e ristarnazzi dalla prima pagina di Avvenire, questo è il “non profit” al quale lo Stato dovrebbe un occhio di riguardo. Può risparmiarsi tutto quel “qua-qua”, questo governo non toglierà un centesimo alla Chiesa. E nessuno ci vedrà conflitto d’interessi, perché non è possibile provare che, se non avessero leccato il culo ai preti per una vita intera, Ornaghi e Riccardi non sarebbero ministri.

Vorrei concludere, quasi rassegnato, con un: moriremo per mano dei democristiani, ma venderemo cara la pelle.

mercoledì 7 dicembre 2011

Ancora schiavi dell’uomo col cerone

di pugioba

Stamattina la sorpresa è arrivata dalla pompa del carburante, con prezzi esorbitanti di super e gasolio. A gennaio arriva l'Imu, più alta della precedente Ici. Le pensioni scordatevele. Qui parlano di pesanti penalizzazioni della classe '52, ma essendo nato nel '76 mi viene da ridere. I ministri piangono, Monti si azzera lo stipendio, ma alla domanda: "E l'Ici al Vaticano?", "Non ci abbiamo pensato". Demagogia? No, soldi che ci spettano. Sono vecchi patti, quelli tra Stato e Chiesa, e nessuno osa metterci mano. C'è però un altro fronte, molto più attuale, molto più remunerativo, su cui intervenire: L'asta delle frequenze tv. Si parla di molti miliardi, alcuni esperti dicono 16, che si dovrebbero recuperare dall'assegnazione di tali frequenze ai grandi della comunicazione, cioè il solito trittico: Rai-Mediaset-Telecom. Una cifra che da sola vale più di mezza manovra finanziaria. Purtroppo però l'ex Ministro Romani (condannato anni fa per falso fallimentare, pena ridotta grazie alla nuova legge sul falso in bilancio), ha deciso che le frequenze tv debbano essere regalate dallo Stato ai tre colossi grazie al cosiddetto "Beauty Contest". Uno di questi tre soggetti, manco a dirlo, appartiene al capo del suo partito. Ma guarda un po'. Se Monti vuole poter mostrare con dignità la sua faccia mentre chiede sacrifici agli italiani, metta mano a questa porcheria. O sarà l'ennesima prova che da questa dittatura non si esce più.

martedì 6 dicembre 2011

I progressi di Terzi in Afghanistan

Il ministro degli Esteri, Giulio Terzi, su Repubblica:


E vediamoli questi segnali evidenti:
Dal 2001 a oggi:
67 mila esseri umani morti, di cui 15 mila civili.
730 mila sfollati solo negli ultimi cinque anni.
La povertà assoluta è salita dal 23 al 36 per cento.
L'aspettativa di vita è scesa da 46 a 44 anni.
La mortalità infantile è aumentata dal 147 al 149 per mille.
Il tasso di alfabetizzazione è sceso dal 31 al 28 per cento.
Le coltivazioni di papavero da oppio sono aumentate da 82 mila ettari a 123 mila.
La guerra è costata agli italiani quasi 4 miliardi di euro.

lunedì 5 dicembre 2011

Manovra: il culo è sempre lo stesso

Quello che non ha toccato:
Le Auto blu, l'Ici sui beni della Chiesa, le spese per armamenti e missioni all'estero, il cinquanta per cento della ricchezza in mano al dieci per cento dei cittadini, le attività finanziarie e l'Irpef per i super manager.

Quello che ha toccato:
L'Ici sulla prima casa, l'Iva, i trasferimenti agli enti locali, le accise sui carburanti e le pensioni.


Nota speciale:
Stato garante per le banche
Una norma contenuta nella manovra prevede che il ministero dell'Economia "fino al 30 giugno 2012 è autorizzato a concedere la garanzia dello Stato sulle passività delle banche italiane, con scadenza da 3 mesi fino a 5 anni, o a partire dal 1° gennaio 2012 a sette anni per le obbligazioni bancarie garantite".

venerdì 2 dicembre 2011

La fidanzata del "cameraman privato" del Cavaliere

In occasione della giornata mondiale contro l'Aids, i conduttori delle trasmissioni su Radio 1 hanno ricevuto un'email "particolare": «Carissimi, segnalo che nelle ultime ore il ministero ha ribadito che in nessun intervento deve essere nominato esplicitamente il profilattico; bisogna limitarsi al concetto generico di prevenzione nei comportamenti sessuali e alla necessità di sottoporsi al test Hiv in caso di potenziale rischio. Se potete, sottolineate questo concetto».
L'email era firmata da una funzionaria della tv di Stato, nonché fidanzata del "cameraman privato" del Cavaliere.
Il portavoce del ministro della Salute ha smentito: «Nessuna indicazione è venuta dal ministero della Salute circa l'uso della parola profilattico e preservativo all'interno di programmi Rai nella giornata mondiale dell'Aids lo scorso 1 dicembre».
Sì, ma ora che si fa? Si licenzia la fidanzata del "cameraman privato" del Cavaliere? Si indaga su chi ha dettato la mail alla fidanzata del "cameraman privato" del Cavaliere? Ripeto: del Cavaliere?