venerdì 29 febbraio 2008

Liste pulite

Liste pulite: Di Pietro l'ha messo come condizione per allearsi con il PD vista la vergogna degli anni che vanno dal 2001 al 2006 dove in parlamento contava 25 pregiudicati.
Durante la prima candidatura Berlusconi pretendeva una fedina penale pulita per i suoi candidati ma poi ha cambiato idea.
Bondi dice che nel PDL non verranno candidati i condannati tranne quelli per reati politici, chi stabilisce quali siano i reati politici è da vedere.
La costituente aveva previsto l'immunità per i reati tipici della politica che non comprendevano i reati di mafia, la frode e il falso in bilancio.
Berluscioni vuole ripristinare l' autorizzazione a procedere per i politici, probabilmente perché ha ancora diversi processi a suo carico.
Previti è stato condannato ma il padrone no.
20 dei 25 pregiudicati nel parlamento erano in Forza Italia ma ora il Cavaliere ne ha importato un paio dall' UDC, come se Dell'Utri e gli altri non bastassero.
Pomicino dice che ha alcune condanne ma più assoluzioni, dunque per differenza algebrica è un angioletto.
Vito ha confessato 20 tangenti ma ha patteggiato per altri reati nei quali si definiva innocente.
Casini ha candidato Cosimo Mele anche se era stato arrestato per tangenti, poi lo ha espulso per un coca party.
Veltroni non vuole condannati per reati gravi, può andare bene Carra che è stato condannato per aver giurato il falso davanti al giudice?
Il povero Mastella non può candidare mezzo partito perché è in carcere.


Questa è la sintesi del pensiero di Marco Travaglio che ieri ha dato un esempio di come si fa il giornalista:


marco travaglio

giovedì 28 febbraio 2008

Auto condivisa



Si può cambiare il mondo con piccole cose che possono fare tutti?
Più che di una risposta ci sarebbe bisogno di un'affermazione:
si deve cambiare il mondo con piccole cose che possono fare tutti.
Una delle piccole cose potrebbe essere “l'auto condivisa”, invece di andare al lavoro in auto e da soli si potrebbe dare un passaggio a qualcuno che a sua volta ricambierà dandovi un passaggio il giorno successivo.
Se si riesce ad andare a lavoro, o in qualsiasi altro posto, in 5 con un'auto sola i vantaggi potrebbero essere:
riduzione del traffico auto legato agli spostamenti dei pendolari
riduzione dei costi degli spostamenti
riduzione delle emissioni inquinanti
riduzione dei tempi di spostamento
riduzione dei consumi energetici
riduzione dello stress e dei rischi di incidente
riduzione dei problemi di parcheggio
riduzione del carico sulle infrastrutture del traffico
minori costi di trasporto e diminuzione del rischio di incidenti
minor stress psicofisico da traffico
socializzazione tra colleghi o nuovi compagni di viaggio.
Per incentivare questa soluzione e stato realizzato un software, utilizzabile via Internet, che contiene un elenco di possibili collegamenti tra città, paesi, quartieri e luoghi particolari (ospedali, università ecc.) di un dato territorio. Il software gestisce anche un database di utenti che possono sia offrire che richiedere un passaggio.
Sulla base delle offerte e delle richieste, il software abbina i possibili guidatori-passeggeri su
una data tratta in un dato giorno/orario, si può scegliere con chi viaggiare (fumatore o no, maschi o femmine, destra o sinistra, milanisti o interisti, etc) in modo tale da rendere il percorso più piacevole possibile.

mercoledì 27 febbraio 2008

Kubuntu effects

Mentre Microsoft si becca una nuova multa dall'Ue di 899 milioni di euro, con l'accusa di aver continuato ad abusare della sua posizione dominante, io e parecchi altri ci divertiamo con la nostra Kubuntu, qui sotto c'è il video della mia:

lunedì 25 febbraio 2008

Non voto Berlusconi

Avete presente quegli acefali che sotto i video di youtube del loro presidente preferito commentano: Grade Silvio, Silvio fagli vedere, Silvio salvaci tu, Berlusconi sei grande, etc?
Mi servono quattro o cinque affermazioni per rispondere con un copia e incolla senza stare li a pesare cosa scrivere.
Stavo pensando a qualcosa tipo:
Non voto Berlusconi perché:
-era iscritto alla P2 (tessera n.1816)
-ha un conflitto d'interessi enorme
-Nel 1994 si è candidato perché Fininvest aveva 5 mila miliardi di debiti
-nell'ultimo processo è stato assolto per una legge ad personam
-rete4 è una rete abusiva
Vanno bene? Vi prego aiutatemi non ce la faccio più a leggere certe cose!


berlusconi riotta

domenica 24 febbraio 2008

Blog o blood

Ascoltando i discorsi che si fanno nei divanetti della televisione, si scopre che una persona “più o meno giovane” ha un blog per apparire e quindi per fare sesso, drogarsi e qualche volta ammazzare qualcuno.
Non essendo contenti di tale fesseria, i vari espertoni parlano di una realtà che chiaramente non conoscono, infatti dai loro discorsi risulta che chi scrive in un blog lo fa perché non può “apparire” al grande fratello.
La generalizzazione perpetrata sembra una valanga di parole vomitate senza ritegno e senza la minima conoscenza di internet, lo stesso Ve**a si dice assolutamente ignorante in materia e infatti lo dimostra.
Cosa penseranno tutti i “più o meno giovani” che ogni giorno con il loro blog cercano di fare :
giornalismo, poesia, musica, informatica, consulenza, cinema, televisione, etc ?
Basta leggere i commenti sotto questo video ...

porta a porta

venerdì 22 febbraio 2008

Zeitgeist

"... devo dirvi la verità, gente. Devo dirvela.
Quando si tratta di stro***te... delle stro***te più grandi di tutti i tempi... stro***te di serie A...
... dovete avere soggezione della campionessa di tutti i tempi in termini di false promesse e pretese esagerate...
... la Religione.
Pensateci! La Religione è riuscita a convincere la gente che c'è un uomo invisibile che vive nel cielo, che vede tutto quello che fai ogni minuto, ogni giorno.
L'uomo invisibile ha una lista speciale di dieci comandamenti che non vuole che tu faccia.
Se tu fai una qualsiasi di queste dieci cose c'è un posto speciale, pieno di fumo, dove si brucia, si viene torturati e si soffre, dove sarai mendato a vivere, a soffrire, a bruciare, a tossire, a urlare, a piangere, per sempre fino alla fine dei tempi ...
... ma lui ti ama!
Ti ama. Ti ama e ha bisogno dei tuoi soldi! Ha sempre bisogno di soldi!
Lui ha tutti i poteri, è assolutamente perfetto, sa tutto, vede tutto, ma per un motivo o per l'altro...
... non riesce proprio a tener dietro ai soldi!
La religione, raccoglie milioni di dollari, loro non pagano le tasse e hanno sempre bisogno di qualcosa di più."


dal film Zeitgeist.

Zeitgeist

Consumi di prodotti petroliferi

petrolio
La benzina ha raggiunto il ragguardevole prezzo di 1,4 €/l, conseguenza del prezzo del petrolio che è ormai arrivato a costare 100 dollari al barile.
La produzione dell'oro nero è al massimo per cui l'unico modo per abbassarne il prezzo è diminuire la domanda, ma quant'è questa domanda?
Per quanto riguarda l'Italia, la domanda nel 2005 era più di 85 milioni tonnellate, il 43% era usato per la produzione di benzina e gasolio per auto, il 4% per il riscaldamento, il 7% per le centrali termoelettriche, il 3% per l'industria, l' 8% per la petrolchimica e il 35% per altri scopi.
Come era prevedibile la percentuale più alta è quella relativa alle auto, è soprattutto in questo settore che si possono e si devono abbassare i consumi, non possiamo pretendere di avere una vita più sana e meno costosa senza lasciare l'auto parcheggiata.
fonte:www.eni.it

giovedì 21 febbraio 2008

Guarddog Amule

Piccola guida per guarddog con amule:
Aprire le porte che usa amule andando in "Avanzato" e poi in "Nuovo protocollo", nel mio caso sono la 5662 in tcp e la 5672 in udp, di default sono la 4662 e la 4672

guarddog

Il protocollo si deve attivare andando in "Protocollo" e poi nella sezione "Definito dall'utente".
Questa operazione deve essere compiuta sia nella "zona di rete" internet che in quella locale.

guarddog

Nella zona di rete internet il protocollo di rete "Network File System - Sun Microsystems" dev'essere necessariamente selezionato per usufruire della maggior parte dei server:

amule guarddog

mercoledì 20 febbraio 2008

Waorani

waorani
Questi due bambini sono indigeni Waorani, vivono nella foresta dell'Ecuador e più precisamente nel parco nazionale dello Yasuní dichiarato riserva mondiale della biosfera dall’Unesco.
Probabilmente non sanno cosa sono l'Unesco e l'Ecuador ma non penso gli importi molto, l'importante per loro è mangiare ed andare a giocare al fiume.
Quando videro arrivare gli uomini che tagliano gli alberi corsero immediatamente a chiamare i loro parenti, non sapevano che da li a poco la loro vita sarebbe cambiata.

“Almeno 15 indigeni Waorani sono stati assassinati in Ecuador. Difendevano i loro boschi nel parco nazionale dello Yasuní, dichiarato riserva mondiale della biosfera dall’Unesco ma sotto la costante pressione delle imprese del legname e del petrolio.
Le notizie sono frammentarie ma il massacro è purtroppo confermato. Tra i 15 morti vi sarebbero anche donne e bambini, e questi ultimi sarebbero stati decapitati.
Nella tarda serata di lunedì 18 la notizia, dopo giorni di incertezza, e con la polizia che continuava a smentire, è stata confermata dal ministro degli Interni ecuadoriano Gustavo Larrea.”


Non ho riportato la notizia per il fatto di cronaca in se, volevo che questa storia serva a stamparci nella mente le due facce nella foto in modo da rammentarci che la distruzione della foresta amazzonica non si è fermata solo perché non se ne parla nei telegiornali.


fonte:www.gennarocarotenuto.it

lunedì 18 febbraio 2008

Vendo stufa

AAA-Vendo stufa a benzina di colore rosso, ideale per grandi ambienti areati e facile da spostare.
L'oggetto in questione è nuovo quindi fatturabile, inoltre è munita di: ruote, accensione elettrica, canna fumaria, ventola, manuale d'uso.
È adatta ad una clientela esigente, poiché abbina all'ottima qualità e praticità d'uso un'elevatissima potenza termica, pur mantenendo consumi ridotti.
Il design della stufa è accattivante ed elegante, realizzato con metalli e vernici di alta qualità.
Funziona egregiamente anche in movimento con la sola perdita del 25% della sua potenza.
Allego foto.

Ferrari

sabato 16 febbraio 2008

L'Italia di oggi

Questo video è lo specchio dell'Italia di oggi, un politico che non si vergogna delle sue malefatte ma anzi ribadisce che ciò che ha fatto è giusto, un giornalista che è messo li solo a fare domandine senza incalzare l'intervistato su temi scottanti, ma soprattutto un direttore che non si indigna pubblicamente per le menzogne palesemente offensive verso un grande giornalista che non c'è più.
Siamo un paese morto che non ha spina dorsale, il paese del grande fratello, il paese dell'ultimo modello di cellulare, il paese del “chi se ne frega, si vive una volta sola”.
Non so se andrò a votare, ma sicuramente non voterò per quest'essere e per la sua eventuale coalizione, aspetterò il risultato delle elezioni solo per vedere quanto siamo caduti in basso.
berlusconi riotta

giovedì 14 febbraio 2008

Bomb Iran bomb

Dopo Yes We can, la canzone di supporto a Barak Obama apparsa su Youtube, è la volta del senatore John McCain che, accompagnato in musica e voce da altri interpreti, parla di:
“tempo di guerra”, un tempo che “comporta terribili sacrifici”, dove “la promessa di un futuro migliore non è sempre certa”,“dispiace dirlo ma ci saranno altre guerre”, “Ci saranno altre guerre”.
I cantanti continuano ad accompagnarlo, ma nello stesso tempo sembrano non credere alle proprie orecchie, soprattutto quando il senatore intona i Beach Boys ma con la variante “Bomb Iran, bomb, bomb, bomb, bomb Iran”.
Alla fine appare la scritta: “Data di ritiro dall’Iraq: 12.008. buona fortuna per novembre” ma io aggiungerei : “buona fortuna a tutto il mondo per novembre”.

mccain

mercoledì 13 febbraio 2008

Vorrei essere Obama

walter obama
Povero Uòlter, è la lingua che lo frega.
Lui vorrebbe parlare come Obama e ci prova pure:
"Guardiamo negli occhi l'Italia e le diciamo: comincia un tempo nuovo, il tempo del cambiamento"
"Io mi candido per cambiare il Paese, non per ricoprire una carica. Per questo, chiedo agli italiani, in questi sessanta giorni, di pensare non a quale partito ma a quale Paese"
"Possiamo guardare negli occhi gli italiani perché abbiamo deciso unilateralmente di correre liberi, più che da soli"
e quindi un scelta per il rinnovamento.

Come farà Uòlter ad essere credibile quando nelle file del suo partito avrà la Binetti e De Mita che non rappresentano di certo il nuovo?
Come farà a far credere agli italiani che il PD non è solo i vecchi DS più la vecchia Margherita?
Povero Uòlter, come farà ad essere una speranza di rinnovamento come Obama?
A Uòlter prova a farte n'à lampada che magari ce cascano!

martedì 12 febbraio 2008

I bambini di suor Letizia 2

Black BabyIn riferimento al post "I bambini di suor Letizia".
Un giudice, definendo "discriminatorio" quel provvedimento, ha ordinato al Comune di riformularlo, altrimenti è prevista una sanzione penale.
Signora Moratti ... tiè

lunedì 11 febbraio 2008

nuova guerra

Mussolini
dalla “carata dei valori” di forza Italia:
OLTRE YALTA: IL NUOVO
EQUILIBRIO MONDIALE
Il mondo del XXI secolo deve saper andare oltre Yalta.
Ma non per tornare indietro, agli anni Trenta del secolo scorso, quando il prevalere di sentimenti antiamericani, anticapitalisti e antigiudaici portò l’Europa verso il disastro.
Andare oltre Yalta significa costruire le regole di un nuovo equilibrio mondiale: anche perché, come l’11 settembre ha dimostrato, se la guerra fredda è finita, si è aperta un’altra severa minaccia per il mondo.
Essa nasce dall’inedita combinazione di fondamentalismo,biotecnologia e terrorismo.
Non è uno scontro tra civiltà: ma certo è una “nuova guerra” di difesa della civiltà.
Un tempo il confronto era tra democrazia e totalitarismo oggi esso si snoda lungo la difesa o la negazione dei valori fondativi dell’Occidente.


Se prima si poteva avere sospetti su questa gente, ora non si può fare a meno di sperare che gli italiani votandoli non ci portino in guerra.
Qualcuno ha detto che i terroristi sono i nemici ideali perché non si possono sconfiggere con le armi convenzionali, essi possono essere usati come scusante per un attacco a qualsiasi paese sospettato di nasconderli.
Quando leggo “ma certo è una “nuova guerra” di difesa della civiltà” mi sembra di tornare indietro di settant'anni, fu allora che un tizio pelato pronunciò la parola guerra come se fosse la cosa più giusta e più naturale da fare per risolvere le controversie internazionali.
Questa gente fa paura, fa molta paura.

domenica 10 febbraio 2008

La lista

Israel girl
Da www.repubblica.it
Fabio Mussi "l'antisemitismo è il veleno della civiltà. Chi stila oggi la lista dei docenti ebrei è erede legittimo di Eichmann. E ha l'obiettivo di degradare l'Università italiana a osceno strumento della discriminazione razziale, come già lo fu negli ultimi anni del fascismo. Sono dei dementi pericolosi - ha sottolineato Mussi - Bisogna perciò perseguire i responsabili. Contro di loro il ministero dell'Università si costituirà parte civile".

Giuseppe Fioroni "E' una vergogna. E provoca anche sconcerto e preoccupazione il fatto che una sorta di Ku Klux Klan digitale dei tempi moderni possa stilare liste di proscrizione antiebraica", commentando la vicenda della lista che "rivela grave deficit culturale ed educativo".

Paolo Gentiloni "episodio inaccettabile"

Walter Veltroni "Quel blog va oscurato, ogni tentativo di dare fiato all'antisemitismo deve allarmarci e vederci reagire" . "Ha ragione la comunità ebraica, fatti come questo vanno denunciati e immediatamente combattuti. Le liste di professori ebrei ricordano quelle delle leggi razziste del 1938, ma chiunque voglia ripercorrere la strada dell'antisemitismo si scontrerà con l'opposizione e la ripulsa degli italiani. Il fatto è particolarmente grave perché avviene nel mondo dell'università e degli studi, dove invece più forte dovrebbe essere il rifiuto di ogni forma di discriminazione e di odio".

Come al solito i nostri politici cavalcano l'onda della notizia senza verificare la veridicità delle accuse riportate dai giornali, infatti la lista è stata presa con un classico copia e incolla dal sito dell'UCEI (Unione delle Comunità Ebraiche Italiane) che a sua volta riprende un appello di alcuni accademici contro l’antisemitismo, apparso sul Corriere della Sera il 14 maggio 2005, denunciando l’espulsione di un collega da una rivista scientifica britannica solo perché israeliano.
Il post cerca di evidenziare l'enorme numero di docenti universitari a favore di Israele non quanto paese di ebrei ma come paese di bombardieri, tutto il sito è “ferocemente” contro la politica di Israele nei territori occupati e non contro gli ebrei, infatti vi si trovano immagini raccapriccianti sui risultati dei bombardamenti effettuati e denuncia la situazione tragica in cui vive la gente di Palestina.
Il sito è stato oscurato ma è ancora presente nella cache di google, ci sono delle immagini terribili ma se volete entrare il link è questo

venerdì 8 febbraio 2008

Frontiera

Frontiera Israele
Il vestito di una ragazza africana trovato sulla frontiera tra Israele ed Egitto

giovedì 7 febbraio 2008

Senza voce


Alcuni articoli di un quotidiano on line, inseriti nella rassegna stampa di un sito istituzionale assieme ad altri articoli di giornali locali e nazionali, hanno suscitato l'ira dei politici di turno.
Le affermazioni di questi “signori” sono molto interessanti:

[…] «Mi aspetto una immediata presa di posizione […] e la rimozione immediata del responsabile di questo atto inaudito. […] utilizza i soldi pubblici e i mezzi di informazione istituzionali per fare informazione di parte. È una vergogna»

e ancora:

«è sbagliato utilizzare il sito del […] per diffondere notizie diffamanti»

infine:

L'on. […] ha definito «vili» gli attacchi dell'articolo diffuso anche sul sito del […].

Sembra di sentire il nano quando attaccava Santoro per l'uso della televisione pubblica, a lui sembrava inconcepibile che la “cosa di tutti” venisse usata per portare informazione non filtrata e quindi non di parte.
In questo caso non si tratta di politici di destra ma di sinistra, non si parla del parlamento italiano ma del consiglio regionale della bella e solare Sardegna, eccovi le frasi sopra citate senza gli omissis:

L'on. Uras (Prc) ha segnalato, infatti, che nel sito della Regione era stato diffuso un articolo di una testata on line (l'AltraVoce, ndr) in cui si offendevano gravemente alcuni consiglieri regionali. «Mi aspetto - ha detto Uras - una immediata presa di posizione della Giunta e la rimozione immediata del responsabile di questo atto inaudito. La Regione utilizza i soldi pubblici e i mezzi di informazione istituzionali per fare informazione di parte. È una vergogna»

e ancora:

L'on. Marrocu (Pd) ha detto che è sbagliato utilizzare il sito della Regione per diffondere notizie diffamanti.

infine:

L'on. Atzeri (Misto Psd'az) ha definito «vili» gli attacchi dell'articolo diffuso anche sul sito della Regione.

Riporto uno stralcio dell'articolo di risposta de l'AltraVoce:

Nel giorno dello scioglimento delle Camere, mentre si evoca perfino quello del Consiglio, l'affossamento di Finanziaria, legislatura, maggioranza di Renato Soru e anche opposizione di centrodestra, vi pare serio che nel condominio-parlamentino-ballatoio sardo si metta nel centro del mirino un quotidiano on line come l'AltraVoce?

Solidarietà a l'AltraVoce.

martedì 5 febbraio 2008

Antenne solari

Antenne
I ricercatori del laboratorio nazionale dell' Idaho National Laboratory, in collaborazione con Microcontinuum Inc. (Cambridge) e Patrick Pinhero dell'università del Missouri, stanno sviluppando un metodo per sfruttare l'energia solare con una tecnologia che potrebbe potenzialmente costare molto meno del fotovoltaico ed avere un rendimento dell' 80% ( i pannelli solari commerciali arrivano massimo al 20%).
Il nuovo metodo consiste nello stampare su un foglio di plastica delle spirali di metallo larghe 1/25 del diametro di un capello, esse si comportano come delle antenne che captano le radiazioni elettromagnetiche dell'infrarosso provenienti sia dal sole che dalla terra.
Come le antenne normali anche queste “nanoantenne” riescono a produrre energia elettrica che può essere sfruttata per gli usi più disparati, prima però bisogna adattarla perché la corrente elettrica generata ha una frequenza troppo elevata.
La scoperta non è da poco perché il basso rendimento dei pannelli fotovoltaici è una concausa dello scarso utilizzo del solare come fonte di energia, se dovessimo coprire solo 4 metri quadri del tetto di casa nostra con i fogli di “nanoantenne” potremo dire addio alle bollette dell' ENEL.
La mitica 2CV della Citroen potrebbe andare ad energia solare ricoprendo il tetto e il cofano motore con questi speciali fogli, ipotizzando di coprirne 2 metri quadri si potrebbero generare
2 x 0,8 / 0.735 = 2,18
2,18 cavalli vapore, solo di giorno naturalmente.

lunedì 4 febbraio 2008

I dubbi

interrogativo
E ora che faccio...ci vado o non ci vado?
Se non vado rendo la vita più facile a quel delinquente, se invece vado legittimo quello che hanno fatto quegli incompetenti.
Il problema è che quel delinquente non è da solo, ci sono anche gli impresentabili nordisti che urlano e minacciano in continuazione, i cattolici divorziati per la famiglia, i fascisti mascherati!
Perché non l' hanno fatta? Se l'avessero fatta non avrei avuto tutti questi dubbi, il delinquente non sarebbe potuto entrare nei giochi e non sarei andato.
Invece no, hanno aggiustato prima i conti per le banche e poi il tempo non è bastato, non hanno fatto quello che ci avevano promesso.
Però se molti non vanno è sicuro che torna LUI, quello che: parla ogni giorno in tivù, promette di tutto, si aggiusta le sue cosette, sorride sempre .........aaaaaaaah!
Ormai la sinistra italiana è morta, non si capisce più niente, cosa ci fa una col cilicio con un' altro che lanciava molotov e pensa che il Papa si debba fare gli affari suoi?
Si ma se torna LUI?
AAAA... “sinistrato” italiano cerca aiuto e conforto per vivere in un paese di merda!

sabato 2 febbraio 2008

Cronaca nera

La cronaca nera fa audience, ti fa vivere nel terrore e il terrore porta un popolo a giustificare i controlli sulle persone oltre il limite della privacy.
La cronaca nera ti distrae dagli altri problemi, nasconde le notizie più importanti, non ti fa parlare di:
lavoro nero, inquinamento, stipendi da fame, precariato, mafia, migliaia di bambini morti ogni giorno per fame e guerra.
La cronaca nera ti fa pensare solo al tuo giardino, ti rende egoista e razzista, ti rinchiude in casa con un fucile in mano che per disgrazia può finire nelle mani tuo figlio.
La cronaca nera è l'arma di distrazione di massa per eccellenza, pensaci la prossima volta che guardi un telegiornale.

tg2